Bonus assunzioni di lavoratrici con esonero contributivo

(foto Shutterstock)

Via libera dalla Commissione Europea allo sgravio contributivo. Le istruzioni dell’Inps per richiedere l’agevolazione

È una specifica misura finalizzata a favorire e incentivare l’assunzione di lavoratrici. Dopo l’ok della Commissione Europea, l’Inps, con la circolare del 5 novembre 2021  ha fornito tutte le istruzioni operative per poter usufruire dell’esonero contributivo. Si tratta di uno sconto di 6.000 euro annui sui contributi previdenziali a carico dell’azienda. Il Governo ha stanziato 37,5 milioni di euro per il 2021 e 88,5 milioni per il 2022.

 Chi può chiedere l’esonero contributivo? 

Tutti i datori di lavoro privati possono accedere allo sgravio contributivo. Non è necessario che il datore di lavoro sia un imprenditore, quindi hanno diritto all’esonero contributivo anche gli autonomi, tutti i liberi professionisti e gli imprenditori agricoli.  

Un sostegno per le lavoratrici svantaggiate

Questa misura non si applica a tutte le assunzioni di lavoratrici, ma opera solo per particolari categorie. Infatti, nonostante la norma parli genericamente di assunzioni di «lavoratrici», l’Inps con la circolare 32 del 2021 ha precisato che l’esonero può essere usufruito nel caso di assunzione di donne prive di impiego da un determinato periodo di tempo che varia a seconda dei casi e dall’età delle lavoratrici. Vediamoli in sintesi:

  1. donne con almeno cinquant’anni di età e «disoccupate da oltre dodici mesi»;
  2. donne di qualsiasi età, residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione europea prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. Le Regioni sono Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, oltre ad altre province previste da una specifica approvazione della Commissione Europea;
  3. donne di qualsiasi età che svolgono professioni o attività lavorative in settori economici caratterizzati da una accentuata disparità occupazionale di genere e «prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi». I settori sono indicati da un apposito decreto del Ministero del Lavoro, sono ad esempio l’agricoltura, le costruzioni, il trasporto, la logistica;
  4. donne di qualsiasi età, ovunque residenti e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi.

I presupposti per godere dell’esonero contributivo

È prevista un’ulteriore condizione per poter fare domanda di esonero contributivo: le assunzioni devono comportare un incremento occupazionale. È necessario confrontare il numero dei lavoratori occupati nel mese di assunzione rispetto al numero dei lavoratori mediamente occupati nei dodici mesi precedenti. 

Per quali contratti si applica e quanto dura?

Tutte le nuove assunzioni a tempo indeterminato godono di un esonero per 18 mesi. Per quanto riguarda i nuovi contratti di lavoro a tempo determinato, lo sconto si applica per massimo 12 mesi. Possono godere dell’esonero anche le conversioni di contratti da tempo determinato a tempo indeterminato e anche in questo caso la durata è di 18 mesi.

L’importo massimo dell’esonero contributivo è di 6.000 euro all’anno, per un massimo di 18 mesi.

 

Leggi anche:

Parità di genere: bonus e premi alle aziende che si certificano

Il bonus assunzioni under 36

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.