Vaccini lavoratori, spetta info a datore di lavoro? | laborability

Il datore di lavoro può sapere se un dipendente si è vaccinato?

img 1: “Vaccinazione dipendenti”

(foto Shutterstock)

Le aziende stanno adottando tutte le misure necessarie per contenere il contagio nei locali aziendali. Ma la tutela della privacy del lavoratore dipendente prevale sulle domande e sulle richieste di informazioni formulate dall’azienda?

Il datore di lavoro può chiedere al medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati?

Dall’inizio della pandemia, lo stato di salute del dipendente è stato uno dei temi centrali nella gestione del personale. La rilevazione della temperatura corporea, la quarantena, le assenze e i ricoveri ospedalieri, i tamponi e la vaccinazione in azienda, i lavoratori “fragili”, a maggior ragione bisognosi di sicurezza sul lavoro: sono tutte previsioni che riguardano lo stato di salute e la privacy del lavoratore dipendente. 

Con il proseguo della campagna vaccinale e la ripresa ordinaria di tutte le attività, ci si sta ponendo una serie di interrogativi: il datore di lavoro può sapere se un lavoratore si è vaccinato? Può chiedere tali informazioni al proprio dipendente o al medico competente?

Il datore di lavoro può chiedere conferma ai propri dipendenti dell’avvenuta vaccinazione?

La risposta è negativa.
In mancanza di una legge che lo preveda, il datore di lavoro non può chiedere ai propri dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato vaccinale o copia di documenti che comprovino l‘avvenuta vaccinazione anti Covid-19. 

Non è consentito al datore di lavoro raccogliere, direttamente dagli interessati o tramite il medico competente, informazioni in merito a tutti gli aspetti relativi alla vaccinazione dei dipendenti, compresa l’intenzione del lavoratore di vaccinarsi o meno. Il trattamento dei dati relativi alle vaccinazioni è necessario per finalità di medicina preventiva e di medicina del lavoro. Tali trattamenti sono affidati esclusivamente ai professionisti sanitari.

E se le informazioni vengono comunicate spontaneamente dal lavoratore?

Ad esempio, se il dipendente invia spontaneamente il green pass all’azienda. In questo caso, l’azienda deve limitarsi a prenderne atto, ma non può conservare né trattare tale informazione.

Secondo le indicazioni del Garante della privacy del 13 maggio 2021 «il datore di lavoro non può considerare lecito il trattamento dei dati relativi alla vaccinazione sulla base del consenso dei dipendenti, non potendo il consenso costituire in tal caso una valida condizione di liceità in ragione dello squilibrio del rapporto tra titolare e interessato nel contesto lavorativo».

Il datore di lavoro può chiedere al medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati?

Anche in questo caso la risposta è negativa.
Il medico competente è l’unico soggetto legittimato a raccogliere e trattare i dati relativi allo stato di salute dei lavoratori. Tra questi dati vi rientrano anche le informazioni relative alla vaccinazione dei lavoratori, nell’ambito della sorveglianza sanitaria e in sede di verifica dell’idoneità alla mansione specifica. Tuttavia, egli non può comunicare al datore di lavoro i nominativi dei dipendenti vaccinati. Diversamente, si tratterebbe di una gravissima violazione della privacy.

 

Leggi anche:
Vaccino anti Covid-19 in azienda e privacy, le indicazioni del Garante

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli