Recovery Fund: le proposte dell’Italia a sostegno del lavoro

Pila di documenti come sfondo alla bandiera europea e alla scritta recovery Fund

(foto Shutterstock)

Nel Recovery Plan contro la crisi economica da Covid-19, presentato dall’Italia all’UE, sono previste importanti riforme per il lavoro: un nuovo sistema di politiche attive, più risorse alla formazione professionale, e la lotta al gender pay gap

Cos’è il Recovery Fund?

Il Recovery Fund (tecnicamente “piano Next Generation EU”)  è lo strumento con cui l’Unione Europea ha risposto alle gravissime ripercussioni economiche causate dal crisi pandemica da Covid-19. È un piano di sostegno alle riforme dei singoli paesi membri dell’UE, che porta in dote oltre 750 miliardi di euro.
L’Italia è il Paese a cui è destinata la maggior parte delle risorse, circa 200 miliardi di euro.

Il Piano di investimenti e riforme dell’Italia

Il 30 aprile 2021 il Governo italiano ha presentato all’Unione Europea il proprio Recovery Plan, il “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”, nel quale sono descritte tutte le riforme con cui il Paese intende investire le risorse di 200 miliardi elargite dal fondo europeo. 

Il Piano del Governo italiano, coerentemente con le indicazioni europee, si suddivide in 6 Missioni”:

  • digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura;
  • rivoluzione verde e transizione ecologica;
  • infrastrutture per una mobilità sostenibile
  • istruzione e ricerca; 
  • inclusione e coesione; 
  • salute. 

Secondo le intenzioni del Governo, il piano deve concludersi entro il 2026 e garantire un aumento del 3% dell’occupazione e di almeno il 3,6% del PIL in più rispetto all’andamento tendenziale.

Gli interventi per il lavoro

Gli interventi per il lavoro all’interno del piano ammontano a circa 6,6 miliardi di euro in totale. Vanno dalla riforma dei centri per l’impiego, a un nuovo coordinamento tra scuola, università e impresa, alla lotta alla disparità di genere

Politiche attive del lavoro

Per quanto riguarda le politiche attive del mercato del lavoro, il Governo si impegna ad introdurre un sistema unico di sostegno all’occupazione e al reddito (NASpI e Reddito di cittadinanza). In tale scenario, è previsto il rafforzamento dei Centri per l’impiego, anche attraverso un più efficace coinvolgimento delle società e degli enti pubblici. 

Occupazione giovanile

Quanto all’occupazione giovanile, è prevista la riforma dell’apprendistato duale (formazione e lavoro) e l’estensione ad un sempre maggior numero dei beneficiari che possono accedere al servizio civile, attraverso un “innalzamento della qualità dei programmi e progetti”.

Formazione professionale

Viene, inoltre, riaffermata l’importanza della formazione professionale, attraverso l’implementazione del Fondo nuove competenze

Un particolare focus è dedicato allo sviluppo delle competenze “digitali, tecniche e scientifiche” che, secondo il piano, “miglioreranno la mobilità dei lavoratori e forniranno loro le capacità di raccogliere le future sfide del mercato del lavoro”.

Gender pay gap e valorizzazione del lavoro femminile

Come dimostrano le più recenti statistiche l’Italia è tra gli ultimi posti in Europa per quanto riguarda il divario salariale tra uomini e donne.
Uno degli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza è di ridurre questo gender gap, attraverso politiche di sostegno al lavoro e all’impresa femminile, intervenendo in modo strutturale. Innanzitutto, con una profonda riforma degli strumenti di sostegno all’occupazione femminile. Per quanto riguarda l’“imprenditoria femminile” il Governo intende adottare unastrategia integrata di investimenti di carattere finanziario e di servizi di supporto”. Infine, per tenere monitorata la situazione occupazionale e reddituale, sarà introdotto un “Sistema nazionale di certificazione della parità di genere”.

 

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli