Rinnovo contratto settore assicurativo: novità per 45.000 lavoratori

Rinnovo contratto settore assicurativo

(foto Shutterstock)

Con rinnovo contratto settore assicurazioni, definito un aumento dello stipendio, un’indennità una tantum e un osservatorio su digitalizzazione lavoro

Il 16 novembre 2022 è stato firmato l’accordo di rinnovo del contratto collettivo nazionale delle assicurazioni, scaduto nel 2019. L’accordo giunge dopo oltre un anno di trattativa. Hanno partecipato le principali sigle sindacali e delle compagnie assicurative.

Il rinnovo riguarda una platea di oltre 45.000 lavoratori e lavoratrici, impegnati nel settore delle assicurazioni. Tra le principali novità, un aumento mensile di 205 euro, un’indennità contrattuale di 2.000 euro una tantum, un nuovo sistema di classificazione del personale.  Il nuovo accordo resta in vigore fino al 31 dicembre 2024.

Aumenti retributivi e 2.000 euro una tantum

Buone notizie per i dipendenti assicurativi: il rinnovo contrattuale ha previsto un aumento degli stipendi. A quanto ammonta l’aumento? Ai lavoratori assunti alla data del 16 novembre 2022 spetta un aumento medio di 205 euro mensili.

Le parti hanno poi previsto un’indennità di vacanza contrattuale, cioè una somma che serve a risarcire i dipendenti del tempo e dei mancati aumenti dalla data di scadenza del contratto alla data del rinnovo, ossia da fine 2019 e fino a novembre 2022.

L’indennità consiste in 1.400 euro una tantum che viene pagata in due tranches: 1.000 euro entro fine 2022 e il saldo di 400 euro entro marzo 2023. I lavoratori possono chiedere di sostituire questo secondo importo con la somma di 499 euro di welfare aziendale.

Sempre a titolo di indennità di vacanza contrattuale, ai lavoratori viene riconosciuto un bonus una tantum di 600 euro di welfare aziendale per il 2023.

Congedi parentali e caregiver

Novità anche in materia di congedi parentali: le parti hanno recepito le novità introdotte dal decreto legislativo 105/2022 e, ribadita “l’importanza della conciliazione tra attività lavorativa e vita privata dei genitori”, hanno “raccomandato alle aziende di favorire la fruizione dei suddetti congedi”.

Con riguardo ai lavoratori caregiver e che usufruiscono della legge 104, il rinnovo raccomanda “alle aziende di valutare la concessione di ulteriori permessi rispetto a quanto già previsto dalla Legge 104, prestando particolare attenzione al lavoratore/trice caregiver”. Per i lavoratori con figli studenti con DSA e/o BES, invece, l’invito è di “favorire la fruizione di orari flessibili”.

Infine, banca ore per le ferie solidali: ciascun dipendente può cedere, a  titolo gratuito, parte delle proprie ferie a un collega che abbia già esaurito tutte le proprie ferie, al fine di permettergli di assistere il figlio, il coniuge o un genitore.

Novità per i contratti a tempo determinato

Le compagnie e i sindacati hanno colto l’opportunità del rinnovo del contratto nazionale per concordare assieme alcune nuove ipotesi – dette causali – che consentono l’assunzione con contratto a tempo determinato.

Queste ipotesi si aggiungono a quelle previste dalla legge, le principali sono:

  •       implementazione di un “rilevante cambiamento tecnologico correlati all’introduzione di un prodotto assicurativo/servizio per gli assicurati”
  •       incremento liquidazione sinistri correlato a eventi non prevedibili o eccezionali
  •       esigenze connesse a operazioni di integrazione societaria
  •       esigenza di sostenere l’occupazione femminile
  •       sostegno all’occupazione di under 36 o di soggetti “svantaggiati” ai sensi della normativa comunitaria

 L’Osservatorio nazionale sulla digitalizzazione e innovazione tecnologica

Il settore assicurativo è sempre stato all’avanguardia per quanto riguarda l’innovazione tecnologica nell’offerta commerciale. Ora, tale innovazione entra anche nella contrattazione collettiva.

Le parti hanno infatti istituito un osservatorio permanente, costituito da rappresentanti dei lavoratori e delle compagnie, con l’obiettivo di monitorare i cambiamenti nel settore assicurativo determinati dall’introduzione di nuove tecnologie e più in generale dalla digitalizzazione, anche con riferimento alla diffusione del lavoro agile”.

La soddisfazione delle parti firmatarie

Forte soddisfazione da parte delle sigle che hanno sottoscritto l’accordo. Per Claudio Pellegritti (First Cisl), l’accordo è un «un soddisfacente punto di equilibrio tra il giusto riconoscimento all’impegno delle lavoratrici e dei lavoratori della categoria e la necessità delle imprese di assicurazione di adeguare le norme alle mutate modalità di organizzazione del lavoro”, mentre per Emanuele Bartolucci, segretario nazionale Uilca, “quello sottoscritto è un rinnovo particolarmente importante, in un momento storico complesso e complicato”.

 

Leggi anche:

Le regole per i contratti a termine

Congedi parentali 2022: quali sono le novità

Generali Italia presenta la prima polizza per investire sulla sostenibilità

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli