Sale il costo dei contratti a termine - Notizie e approfondimenti sul mondo del lavoro

Sale il costo dei contratti a termine

(foto Shutterstock)

È stata pubblicata la circolare INPS sul contributo aggiuntivo per i contratti a termine

IL CONTRIBUTO ADDIZIONALE PER I CONTRATTI A TERMINE

Il contributo addizionale è una somma di denaro che il datore di lavoro deve pagare per finanziare la NASpI, ed è stato introdotto dal decreto Dignità nei casi di rinnovo dei contratti a termine.
La legge Fornero aveva già previsto, per i contratti non a tempo indeterminato, il pagamento di un contributo pari all’1,4%  della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.
Successivamente il decreto Dignità ha aumentato il contributo dello 0,5% in occasione di ogni rinnovo dei contratti a termine, anche in rapporto di somministrazione.

LE NOVITÀ DELLA CIRCOLARE INPS

Le modalità e i tempi del pagamento del contributo aggiuntivo sono stati spiegati dall’INPS, con la circolare 121/2019.
L’aumento si applica per i rinnovi intervenuti già a partire dal 14 luglio 2018, anche se la nuova disciplina del decreto Dignità su proroghe e rinnovi trova applicazione solo a partire dal 1° novembre 2018.
È importante sapere che si tratta di un aumento incrementale: questo significa che la maggiorazione si applica in occasione di ogni rinnovo, sommandosi a quella precedente.

RESTITUZIONE DEL CONTRIBUTO

È prevista la restituzione integrale del contributo al datore di lavoro in caso di trasformazione del rapporto a termine in contratto a tempo indeterminato.
Il rimborso è anche previsto se, entro sei mesi dalla fine del rapporto a termine, il lavoratore venga assunto a tempo indeterminato dallo stesso datore di lavoro.

IN QUALI CASI È ESCLUSA LA MAGGIORAZIONE

La maggiorazione non si applica: ai lavoratori stagionali, ai lavoratori con contratto a termine in sostituzione dei lavoratori assenti, ai rapporti di apprendistato, al lavoro domestico, ai rapporti di lavoro agricolo, ai contratti a termine stipulati con le pubbliche amministrazioni.
Sono esclusi anche i rinnovi dei contratti di lavoratori impegnati in attività di insegnamento e ricerca nelle università private e negli enti privati di ricerca.

Leggi anche:

IL CONTRATTO DI LAVORO A TERMINE

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli