Stop al lavoro notturno anche per le mamme hostess

(foto Adobe Stock)

Confermato l’esonero dal lavoro notturno per il personale di volo con figli minori di 3 anni

IL FATTO

Alcune assistenti di volo di una nota compagnia aerea, mamme di bimbi minori di 3 anni, hanno chiesto al Giudice del Lavoro che venisse ripristinato il loro diritto a non essere obbligate a lavorare di notte.

Il diritto a non lavorare nel periodo notturno era stato negato dalla compagnia aerea facendo leva su una sentenza della Corte di Cassazione, che nel 2017 aveva sostenuto che il dormire fuori casa fosse un tratto tipico del loro lavoro (Sentenza n. 18285/2017).
La pronuncia della Cassazione, immediatamente applicata da alcune compagnie aeree italiane, aveva così stabilito l’impossibilità per il personale di volo di beneficiare dell’esonero dal lavoro notturno, riconosciuta invece dalla legge alle altre categorie di lavoratori.

L’ESONERO DAL LAVORO NOTTURNO

Innanzitutto, si considera periodo notturno quello di almeno 7 ore consecutive che comprenda l’intervallo tra mezzanotte e le 5 del mattino (d.lgs. 66/2003).
Ebbene, la legge vieta di destinare al lavoro notturno, da mezzanotte alle 6, le donne dal momento dell’accertamento della gravidanza fino a quando il bambino compie un anno di età.
In più, non possono essere obbligati a lavorare di notte la madre o, in alternativa, il padre convivente di un bambino minore di 3 anni.

LA SENTENZA DELLA CORTE D’APPELLO DI MILANO

La Cassazione aveva escluso per il personale di volo la possibilità di astenersi dal lavoro notturno prestando servizio nei voli in giornata anziché di lunga tratta.

La Corte d’Appello di Milano ha ribaltato tale posizione e ha dato ragione alle mamme.
Il Giudice del Lavoro, infatti, ha riaffermato l’inviolabilità del diritto delle lavoratrici/lavoratori con figli minori di 3 anni ad essere esonerati dal lavoro in fascia notturna e ha condannato la compagnia aerea a ripristinare immediatamente tale facoltà (Sentenza del 05/06/2019).

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli