Generali si trasforma: modalità di lavoro, welfare e non solo

(foto Libero_Monterisi/Shutterstock)

In primo piano smart working, formazione e implementazione dell’It

La trasformazione in atto in Generali Italia va in due direzioni: l’innovazione del modo tradizionale di lavorare e l’implementazione dell’It

Al centro del cambiamento c’è la cultura manageriale, per favorire lo sviluppo di progetti realizzati in team cross funzionali e spingere i manager alla delega e al feedback continuo.

In questo contesto sono stati implementati lo smart working e un piano che nei prossimi tre anni porterà all’upskilling e al reskilling del 50% dei dipendenti.
Nel 2018 Generali Italia ha erogato un milione e mezzo di ore di formazione, ed entro il 2022 prevede un aumento del 30% di formazione su Analytics e Big data. Inoltre sono state inserite figure nuove, come quelle del data scientist e del designer.

LA RIORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO DI LAVORO

Nell’headquarter di Citylife a Milano – dove a inizio anno sono stati riuniti i lavoratori di Alleanza, Country Italia, Banca Generali e Holding – non sono più previste postazioni fisse per i dipendenti, ognuno ha un pc portatile, senza scrivanie personali. Le postazioni si possono prenotare e dopo l’utilizzo vanno lasciate in ordine.

Gli spazi collaborativi sono costituiti da isole con lunghi tavoli e aree break. Ci sono zone insonorizzate dedicate alla conversazione riservata, un’area ristoro e un’area dedicata a spogliatoi e docce per chi fa sport all’esterno.

LO SMART WORKING

Dopo una fase sperimentale, oggi circa 2.900 persone, sulle 13.000 totali, possono usufruire del lavoro agile per due giorni alla settimana, lavorando al di fuori dell’ufficio.

L’impatto è stato positivo, l’assenteismo si è ridotto di una percentuale tra il 20 e il 30%, le persone sono state responsabilizzate, ed è aumentato il livello di engagement, che supera l’80%.
Per il 2021 l’obiettivo è di estendere il lavoro agile a tutti i dipendenti.

IL WELFARE

Da anni i dipendenti di Generali dispongono di un piano di welfare aziendale avanzato, soprattutto relativo a previdenza integrativa e rimborso spese sanitarie, che ora è stato allargato ai rimborsi per le spese di istruzione e all’assistenza dei familiari, servizi al dipendente in ambito formativo, culturale e per il tempo libero, per un totale di oltre 70 servizi.

In prospettiva di un welfare che sia anche wellbeing, è stato inserito all’interno del programma anche il percorso “My energy journey” che prevede check up medico sportivo, programma running, fisioterapia, percorsi di prevenzione e centri infermieristici polifunzionali.

LA SOCIETA’ DI WELFARE INTEGRATO WELION

In Welion, società di welfare integrato per famiglie, imprese e lavoratori di Generali Italia creata nel 2017, lavorano oggi 350 persone, molte di più delle 100 assunzioni previste dall’accordo con il sindacato nell’arco di due anni.

Entro il 2021 Welion investirà fino a 50 milioni di euro per innovazione dei servizi e del modello operativo

È stato anche grazie alle esperienze fatte internamente insieme ai propri dipendenti, se Generali è riuscita a fare del welfare un business, ha precisato Gianluca Perin, direttore risorse umane e organizzazione di Generali Country Italia al Sole 24 ore. «Per fare bene sul mercato dobbiamo fare bene prima e innanzitutto in azienda. Il 70% di lavoratori soddisfatti, secondo quanto emerso dalla nostra ultima survey sul tema, a suo modo è un biglietto da visita».

 

Chiedici qualsiasi cosa e non esitare a proporre qualche idea per il prossimo articolo.



Site Footer

© LABORABILITY ® è un progetto di GIANLUCA SPOLVERATO | P.IVA IT03471600282 | Privacy Policy