Moda e ricambio generazionale: quasi 50 mila posti di lavoro entro il 2023

(foto Shutterstock)

I giovani italiani non riusciranno a colmare il fabbisogno di figure tecniche. Le più ricercate: modellisti, disegnatori industriali, tecnici di controllo prodotto

Le aziende italiane del settore tessile abbigliamento moda fanno fatica a reperire professionalità qualificate per coprire i posti di lavoro vacanti nel comparto. Sono in difficoltà oggi e lanciano l’allarme guardando alle previsioni per i prossimi anni, che prevedono 48.000 assunzioni nel settore moda allargato (comprensivo di accessori, occhiali, gioielli e concia), in conseguenza del ricambio generazionale.

Posti di lavoro che con grande difficoltà potranno essere coperti per intero dai giovani che oggi frequentano le scuole tecniche e professionali, gli ITS e le scuole di moda, perché né il numero dei futuri lavoratori né la qualità dell’offerta formativa sembra essere sufficiente per colmare il mismatch tra domanda e offerta.

Da un’indagine nazionale sui fabbisogni professionali del settore tessile abbigliamento – promossa da SMI (Sistema Moda Italia Federazione Tessile e Moda) in collaborazione con il centro di ricerca e consulenza PTSClas di Milano e finanziata da Fondodirigentisu più di 300 imprese rappresentative di 500 unità produttive, per un totale di oltre 44.000 dipendenti, è emerso che, in relazione ai 37 profili professionali presi in considerazione, e ritenuti più importanti nel presente e nel futuro prossimo: 6 appartengono all’area manageriale, 22 all’area di tipo tecnico e 9 all’area operativa. Ecco il dettaglio.

I PROFILI PIÙ IMPORTANTI NELLA MODA DI OGGI E DOMANI

  • Area Manageriale: responsabile di produzione, responsabile commerciale e marketing, responsabile stile e prodotto, responsabile IT.
  • Area Tecnica: modellista, disegnatore industriale (tessile e fashion), tecnico del controllo del prodotto finito, specialista e-commerce.
  • Area Operativa: addetto alla produzione nobilitazione e stampa tessuto (finissaggio), addetto alla produzione (tessitura), addetto alla produzione (tintura tessile), prototipista.

OBIETTIVI

Attraverso un’analisi dei risultati emersi, messi a disposizione di imprese, associazioni, mondo della formazione e istituzioni, Sistema moda italia auspica l’aprirsi di «nuove strade di lavoro comune» con:

  • l’approfondimento delle esigenze delle imprese per comparti produttivi, dimensioni e territori;
  • lo sviluppo di una campagna di comunicazione indirizzata ai ragazzi e alle loro famiglie così da valorizzare le opportunità professionali del settore moda;
  • il miglioramento dell’offerta formativa attraverso la collaborazione tra scuole, imprese e istituzioni.  

«La formazione nel futuro del nostro settore deve riuscire a coniugare “l’arte dei nostri vecchi mestieri”, elemento sostanziale del successo del made in Italy nel mondo, – ha affermato Marino Vago, Presidente di SMI – con l’evoluzione sempre più veloce dello scenario digitale. La sfida è appassionante, decisamente accattivante per i nostri giovani, che saranno artefici del loro futuro, in base alle scelte “fuori dagli schemi” che faranno. Le nuove esigenze professionali che si stanno delineando, tenendo presente le necessità legate alla sostenibilità di materiali e processi, aprono la strada a nuove professionalità. Gli specialisti di domani dovranno saper dare risposte a nuove richieste in ambito di prodotti e processi legati all’utilizzo di materie prime sostenibili e seconde, provenienti da fonti tracciate. Quindi le potenzialità di professionisti sempre più specializzati sono infinite ed ancora tutte da codificare».

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli