Decreto fiscale: le novità su congedo parentale Covid-19

(foto Shutterstock)

Fino al 31 dicembre 2021 spettano i congedi parentali Covid-19 anche per i lavoratori autonomi iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata

Cosa prevede il decreto fiscale in tema di congedi parentali?

Il lavoratore dipendente, genitore di figlio convivente minore di 14 anni, alternativamente all’altro genitore, può, fino al 31 dicembre 2021, astenersi dal lavoro usufruendo di un congedo straordinario a carico dell’INPS, con indennizzo pari al 50% della retribuzione e copertura della contribuzione figurativa.

In caso di figli con disabilità grave accertata, il diritto al congedo è riconosciuto a prescindere dall’età del figlio.

Quando ci si può assentare per congedo parentale Covid-19? 

Quando sia stata prevista dall’autorità competente la sospensione dell’attività didattica o educativa in presenza del figlio per:

  • infezione da SARS-CoV-2 del figlio;
  • quarantena disposta dall’ASL.

I congedi parentali Covid-19 possono decorrere dall’inizio dell’anno scolastico?

. Gli eventuali periodi di congedo parentale già fruiti dai genitori a decorrere dall’inizio dell’anno scolastico 2021/2022 e fino al 22 ottobre 2021 possono, su domanda del lavoratore interessato, essere convertiti in congedo parentale Covid-19, senza, quindi, essere computati né indennizzati a titolo di congedo parentale «ordinario».  

Hanno diritto al congedo parentale Covid-19 i genitori di figli tra i 14 e i 16 anni?

No. In caso di figli di età compresa fra 14 e 16 anni non spetta il congedo parentale Covid-19, ma è previsto il diritto di astenersi dal lavoro senza corresponsione di retribuzione o indennità e senza riconoscimento di contribuzione figurativa. È previsto anche che i genitori che si assentino per accudire i figli di tale fascia di età non possano essere licenziati per tale ragione e quindi abbiano diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Se si è in smart working, spettano i congedi parentali Covid-19?

. Qualora la prestazione lavorativa sia svolta in smart working spetta il congedo parentale Covid-19; infatti, pur essendo «a casa» il genitore non ha la possibilità di accudire il figlio mentre lavora

Spetta anche ai genitori autonomi iscritti alla Gestione separata Inps? 

. Il lavoratore iscritto in via esclusiva alla Gestione Separata, genitore di figlio convivente minore di 14 anni, alternativamente all’altro genitore, può, fino al 31 dicembre 2021, astenersi dal lavoro usufruendo di un congedo straordinario INPS, con indennizzo pari al 50% di 1/365esimo del reddito individuato sulla base di calcolo dell’indennità di maternità.

 

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli