Dpcm sulle modalità dei controlli Green Pass

(foto Shutterstock)

Il Governo ha indicato le modalità con le quali il datore di lavoro può controllare il possesso del Green Pass da parte dei propri dipendenti

 Il 14 ottobre 2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il dpcm con il quale il Governo ha indicato le possibili modalità con cui l’azienda può controllare il possesso della certificazione verde da parte dei lavoratori. Una volta a regime, nel settore privato, gli strumenti di controllo saranno tre. La finalità è di rendere sempre più agile e veloce il controllo sul possesso del green pass. Il Ministero della Salute a capo della cabina di regia.  

La modalità “classica”: l’uso della App ufficiale

La prima modalità di controllo è lo strumento in uso fin dalla prima applicazione del Green Pass: l’utilizzo della App ufficiale VerificaC19.

L’azienda è libera di continuare ad utilizzare questo strumento gratuito e messo a disposizione dal Ministero della Salute.

App integrata all’interno dei tornelli agli ingressi

L’app ufficiale VerificaC19 ha il vantaggio di essere gratuita ed immediatamente disponibile. Tuttavia, in contesti produttivi di medie e grandi dimensioni, il controllo (a campione) effettuato manualmente con questa app può risultare difficile e comportare un aggravio di spese e perdite di tempo. Per questo motivo, il Governo ha previsto che i controlli Green Pass possano essere effettuati ai varchi di accesso, utilizzando i c.d. “tornelli”. In che modo? Il Ministero della Salute sviluppa un applicativo che verrà integrato all’interno dei tornelli: sarà così sufficiente passare il badge e il QR Code nello stesso lettore ottico, senza necessità di un controllo manuale.

Controllo tramite il Portale Inps

Infine, per le aziende con più di 50 dipendenti, i controlli potranno essere effettuati mediante consultazione del Portale istituzionale dell’INPS. Verrà infatti sviluppato un sistema di dialogo e aggiornamento tra il sito dell’INPS e la piattaforma PN-DGC che raccoglie, a livello accentrato, tutti i certificati verdi.

Sia per l’installazione degli strumenti di controllo nei tornelli, sia per utilizzare il portale INPS, è necessaria la previa richiesta del datore di lavoro e l’accesso sarà consentito al solo personale autorizzato alla verifica per conto del datore di lavoro.

E se le nuove modalità non funzionano?

Il Governo ha previsto anche l’ipotesi in cui le nuove modalità si inceppino oppure forniscano un esito negativo al controllo. Che cosa può fare l’azienda in questo caso? Il datore di lavoro deve effettuare il controllo con la app ufficiale VerificaC19: il lavoratore, infatti, «ha diritto di richiedere che la verifica della propria certificazione verde COVID-19 sia nuovamente effettuata al momento dell’accesso al luogo di lavoro mediante l’applicazione mobile».

 

Leggi anche:

Super Green Pass obbligatorio: la guida con tutte le istruzioni

Super Green Pass, obbligatorio dal 15 ottobre per tutti i lavoratori

Green Pass e malattia, cosa succede se ci si ammala?

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli