Green Pass, come ottenerlo e quanto dura

smartphone con immagine Green pass su cartina geografica, vicino a passaporto, mascherina

(foto Shutterstock)

Il Governo ha emanato le istruzioni su come ottenere la certificazione e dove si può scaricare

(Aggiornato al 22 settembre 2021) Il Green Pass è la certificazione che permette ai cittadini, italiani e europei, di poter accedere ai luoghi di lavoro, a servizi, luoghi e manifestazioni (come ad esempio gli stadi e i palazzetti o i concerti), che altrimenti sarebbero vietati. Serve anche per entrare e uscire dai paesi della Comunità europea senza dover osservare i periodi di quarantena.

Chi ha diritto al Green Pass?

Ci sono tre modi per ottenere il Green Pass:

Banner Banner
  • con la prima e la seconda vaccinazione anti Covid-19;
  • dopo la guarigione dal virus, in seguito al ricovero ospedaliero o all’isolamento domiciliare. Viene rilasciata dal medico curante o dalla struttura sanitaria.
  • con l’effettuazione di un tampone molecolare o un test antigenico aventi esito negativo. 

Vedremo che la durata del Green Pass è diversa per ciascuna di queste tipologie.

Come ottenere il Green pass?

Dopo il vaccino, il ricovero o l’effettuazione del tampone, le certificazioni vengono generate in automatico: Regioni, Province autonome, medici di base, laboratori di analisi e farmacie trasmettono le informazioni relative a vaccinazioni, test e guarigioni e, sulla base di queste informazioni, la Piattaforma nazionale rilascia le certificazioni.

L’emissione della certificazione viene comunicata all’interessato tramite email o SMS (ai recapiti forniti in fase di vaccinazione, test o guarigione), con un codice per scaricarla. 

Dove si scarica il Green Pass?

Una volta ricevuto via SMS o email il codice, l’interessato può scaricare la certificazione (in formato digitale e stampabile), in uno dei seguenti modi: 

  • tramite il sito www.dgc.gov.it  www.dgc.gov.it 
  • tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico;
  • tramite la App Immuni;
  • rivolgendosi al proprio medico di medicina generale, pediatra o farmacista.

La certificazione, sia digitale che cartacea, contiene un QR Code, da mostrare al personale autorizzato ai controlli, che permette di verificarne l’autenticità e la validità.

Quanto dura il Green Pass?

  • In caso di prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la certificazione sarà rilasciata dopo 15 giorni dalla somministrazione e avrà validità fino alla seconda dose;
  • in caso di seconda dose di vaccino, la certificazione avrà validità di 12 mesi dalla data di ultima somministrazione;
  • in caso di vaccino monodose, la certificazione sarà rilasciata dopo 15 giorni dalla data di somministrazione;
  • in caso di precedente contagio e avvenuta guarigione, il green pass sarà efficace dalla somministrazione dell’unica dose prevista per i soggetti guariti e avrà una validità di 12 mesi;
  • in caso di guarigione senza successiva vaccinazione, la certificazione avrà invece validità di 6 mesi;
  • in caso di guarigione, la certificazione avrà validità per 180 giorni.

Sul sito dgc.gov.it si possono trovare tutte le info operative.

La validità del Green Pass è di 72 ore in caso di tampone molecolare e di 48 ore in caso di tampone rapido.

Green Pass europeo

La certificazione verde italiana sarà valida come green green pass europeo; in questo modo, tutti coloro che avranno una certificazione nazionale valida potranno muoversi liberamente sul territorio dell’Unione europea.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.dgc.gov.it o rivolgersi al numero di pubblica utilità (1500) del Ministero della salute e al numero verde della App Immuni (800.91.24.91).

Leggi anche:

Super Green Pass, obbligatorio dal 15 ottobre per tutti i lavoratori

Green Pass e malattia, cosa succede se ci si ammala?

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli