Aumentano i neogenitori che lasciano il lavoro

(foto Shutterstock)

In crescita anche il numero dei padri. Dedicarsi alla professione e alla famiglia è sempre più difficile

Sale del 24% il numero di dipendenti che lasciano il lavoro dopo la nascita del primo figlio.
È un dato allarmante quello che emerge dalla “Relazione annuale sulle convalide delle dimissioni e risoluzioni consensuali delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri” per l’anno 2018, curata dall’Ispettorato nazionale del lavoro con riferimento a tutto il territorio nazionale.

Sembra che continuare a lavorare dopo un figlio stia diventando sempre più complesso per diversi motivi: i costi di asilo nido e baby sitter, la mancanza di parenti a dare un supporto, orari di lavoro inflessibili e distanza dal luogo di lavoro.

Banner Banner

I DATI

Le dimissioni e risoluzioni consensuali sono 49.451, in crescita del 24% rispetto alle 39.738 del 2017, e riguardano in prevalenza madri lavoratricianche se il numero di convalide di lavoratori padri, pari a 13.488 (il 27% del totale), risulta in aumento.

I lavoratori con un’età compresa tra i 32 e 44 anni che decidono di abbandonare il lavoro sono più di 20.000, invece quelli nella fascia dai 29 a 34 anni sono circa 36.000. Si tratta in maggioranza di persone con un’anzianità di servizio tra i 3 e 10 anni.

Oltre il 59% dei lavoratori oggetto della relazione sceglie di smettere di lavorare dopo il primo figlio per l’incompatibilità tra l’occupazione lavorativa e la cura dei figli. Le regioni del nord Italia sono le più colpite dal fenomeno.

Secondo Rosamaria Papaleo, segretaria Cisl Emilia Centrale, siamo di fronte a «un fenomeno che non accenna ad arrestarsi, indice di politiche sbagliate che non garantiscono ai genitori di dedicarsi al contempo alla professione e alla famiglia». Il dato esemplifica bene «come le politiche frammentarie degli ultimi tempi – afferma Papaleo – non portino a nulla: i bonus tamponano, ma non risolvono, ti incentivano a fare figli, ma poi ti abbandonano di fronte alla realtà. Occorrono orari più flessibili, iniziative di smart working che, quando è possibile, possano permettere di lavorare da casa». 

MOTIVAZIONI

La maggior parte delle convalide (96% circa del totale), fanno riferimento a dimissioni, per un totale di 47.410, di cui 45.900 dimissioni volontarie e 1.510 per giusta causa.
Secondaria invece la categoria delle
risoluzioni consensuali (4%).

I motivi che spingono i lavoratori a chiudere il rapporto di lavoro sono in prevalenza dovuti a condizioni di lavoro particolarmente gravose o difficilmente compatibili con la cura della prole; cambio della sede o distanza dal luogo di lavoro; ragioni concernenti l’orario di lavoro per mancata concessione del part time, e modifica delle mansioni svolte (118 casi).

Perché il mondo del lavoro si metta al passo coi tempi, attuando politiche legate alla maternità e alla paternità che agevolino l’organizzazione familiare, sono necessari smart working, orari flessibili e welfare aziendale; passi in avanti sul congedo parentale e sulla disuguaglianza di genere, per la quale il lavoro femminile viene considerato inferiore a quello dell’uomo. Secondo Cisl «le differenze di trattamento aziendale tra lavoratori e lavoratrici sono ancora troppo marcate. E quando arriva il primo figlio sono soprattutto le donne che decidono di licenziarsi per occuparsi della famiglia».

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli