Le nuove professioni del futuro ricercate dalle startup: dal community manager al web developer

img 1: “Nuove professioni nelle startup”

(foto Shutterstock)

Competenze tecniche verticali e soft skills che permettano di lavorare in gruppo in modo costruttivo. Ecco quello che richiedono aziende e startup innovative ai nuovi professionisti

Quali sono le nuove professioni più gettonate da startup e aziende innovative? Si tratta di figure dotate di competenze molto specifiche, sempre supportate da soft skills come la capacità di lavorare in team e, allo stesso tempo, la propensione all’autonomia.

In un contesto generale che vede la perdita di quasi mezzo milione di posti di lavoro nel 2020 certificata dall’ISTAT, il mondo delle startup rappresenta la svolta verso una ripresa dell’economia, e un’oasi di ossigeno per l’occupazione. Basti pensare che, durante la pandemia, il 58% delle startup ha assunto personale per un totale di 30 mila lavoratori.

Banner Banner

Il mondo delle startup

In Italia le startup sono 12.068 (dati MISE), il 18,6% di esse è fondato da under 35. I soci di capitale arrivano a 56 mila unità, per un valore della produzione medio che supera i 200 mila euro. Sono le startup a generare occupazione qualificata, e a condizioni spesso migliori di quelle offerte da aziende più grandi.

Il settore digitale e tecnologico dell’informazione e della comunicazione registra, in Italia, un +27%, delineando una nuova composizione dell’organico nelle aziende, in particolare in quelle in cui il tasso di innovazione è più elevato. I professionisti maggiormente ricercati si occupano del settore web, e hanno competenze verticali e specializzate.

Le figure professionali più richieste da startup e aziende innovative

Ogni professionista deve avere delle competenze specifiche che variano molto a seconda del campo in cui viene esercitata la professione. Le soft skills sono invece richieste a tutti i lavoratori, a prescindere dal settore in cui si sono specializzati.

Community Manager

Rientra tra le figure professionali più richieste e maggiormente in crescita: gestisce e amministra una community online, modera i commenti degli utenti, crea e lancia nuovi argomenti di discussione. Sono richieste capacità relazionali, di gestione delle difficoltà, un’ottima conoscenza del mondo digitale e creatività.

Data Scientist

Questo professionista si occupa di analizzare e interpretare i dati da cui attinge informazioni fondamentali per il business model di una startup. Il ruolo di questo professionista è diventato sempre più importante da quando le startup di successo si affidano a Big Data, Machine Learning e tecnologie cloud per le loro strategie.

Viene richiesto di conoscere perfettamente i linguaggi di programmazione, analisi quantitativa e comprensione del prodotto, e un buon talento nell’interpretare il mood di settore. Il suo compito è anche quello di tradurre i dati in obiettivi aziendali comprensibili a tutto il team che lavora sulla strategia di marketing.

Web Developer

Questo professionista è tra i più ricercati, perché dotato di competenze difficili da trovare per le aziende. Si occupa di aspetti molto tecnici relativi alla gestione del web, come lo sviluppo del codice sorgente di programmazione, l’ottimizzazione dei database e dei linguaggi di markup.

Esistono diversi tipi di Web developer: la maggior parte si occupa di software, database e codifica di siti web (back-end), altri lavorano sulla parte di progettazione e interfaccia (front-end).

Digital Strategist

Si tratta di una figura che prepara la strategia di promozione sul web e stabilisce gli obiettivi, partendo dalla vision. Un professionista in grado di sviluppare strategie di promozione di eventi, servizi e prodotti, integrando perfettamente i canali online e offline.

Al Digital Strategist sono richieste competenze trasversali per curare l’intera strategia che costituisce le fondamenta del progetto: SEO, SEM, Content e Social Media, gli strumenti di analisi e di pianificazione delle tecniche digitali.

Growth hacker

Questa è una figura nuova, che si occupa della crescita esponenziale della startup attraverso metodi non convenzionali. Deve coniugare esperienze che arrivano dall’ingegneria del prodotto, dalle strategie di marketing, dal content, dai processi aziendali, così da strutturare strategie vincenti attraverso la sperimentazione continua di nuovi approcci.

Le soft skills più richieste

 Le competenze personali maggiormente ricercate sono relative alla sfera delle relazioni con i colleghi, e alla capacità di gestire momenti di stress o di cambi repentini. Le aziende cercano persone che sappiano lavorare in team, siano aperte alla collaborazione, sappiano essere propositive, e capaci di assumersi rischi e responsabilità laddove richiesto.

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli