Ucraina: i permessi di lavoro per i rifugiati di guerra

Come ottenere un permesso di soggiorno per lavoro

(foto Shutterstock)

Gli ucraini possono lavorare in Europa grazie ad un permesso speciale

I cittadini ucraini possono circolare liberamente all’interno dell’Unione, lavorare e raggiungere i familiari grazie allo strumento della Protezione temporanea previsto dall’Unione europea per fronteggiare il grande afflusso di rifugiati di guerra

I cittadini ucraini possono lavorare in Europa?

Sì. I cittadini ucraini possono lavorare, anche stagionalmente, se è stata presentata domanda di protezione temporanea cui segue una richiesta di Permesso di soggiorno per protezione temporanea.

In questo caso, il datore di lavoro assume immediatamente il soggetto senza limiti o impedimenti all’inserimento in azienda.

L’ingresso dei rifugiati è inoltre agevolato: se in possesso di passaporto, sono autorizzati a varcare la frontiera senza visto, a patto che il loro soggiorno abbia una durata massima di 90 giorni.

Come fare domanda di Protezione temporanea in Italia?

Bastano pochi passaggi. I cittadini ucraini devono:

  • rivolgersi all’Ufficio immigrazione della Questura;
  • fare apposita richiesta di permesso di soggiorno per protezione temporanea;
  • presentare il passaporto. Se non lo si possiede occorre rivolgersi alle rappresentanze diplomatiche ucraine presenti in Italia.  

La Questura rilascia gratuitamente la richiesta di permesso di soggiorno che riporta i dati identificativi del soggetto e un codice numerico (STP). Con questo codice, simile a un Codice Fiscale, si può iniziare a lavorare in regola e si ha diritto alle cure previste dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN). 

Chi può richiedere il permesso di soggiorno protezione temporanea?

Sono beneficiari della protezione temporanea e del relativo permesso:

  • cittadini ucraini residenti in Ucraina prima del 24 febbraio 2022;
  • cittadini di Stati diversi che beneficiavano della protezione internazionale in Ucraina prima del 24 febbraio 2022;
  • cittadini di Stati diversi che soggiornavano legalmente in Ucraina prima del 24 febbraio 2022 grazie a un permesso di soggiorno valido rilasciato dalle autorità ucraine;
  • i familiari dei cittadini sopra elencati. 

Quanto dura il permesso per protezione temporanea?

La durata della protezione temporanea e del relativo permesso è pari a 1 anno, con la possibilità di richiedere un rinnovo per un ulteriore anno. L’eventuale rinnovo viene diviso in due periodi di 6 mesi ciascuno.

La durata massima complessiva del permesso di soggiorno per protezione temporanea è di 2 anni.

 

 

Leggi anche:

Crisi Ucraina-Russia: il punto sulle misure per i cittadini ucraini in Italia

Decreto Ucraina: bonus benzina e le novità per aziende e lavoratori

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.