Premi di produttività. Piquadro, mensilità in più in busta

img 1: “Impiegati consultano degli appunti post-it in bacheca aziendale”

(foto Shutterstock)

Un mese in più di stipendio: Piquadro premia la produttività di dipendenti e collaboratori, riconoscendo il loro impegno

Non è cosa di tutti i giorni riconoscere una mensilità in più di stipendio in busta paga ai dipendenti.

Frequente, ma non consueta: prima di Piquadro, gli esempi di Acqua Sant’Anna e del noto marchio Diesel, la prima per sopperire all’inflazione, il secondo come regalo di Natale ai dipendenti. 

Piquadro, invece, ha voluto premiare l’impegno delle persone come segno di ringraziamento per gli ottimi risultati ottenuti dall’azienda nel bilancio dell’esercizio 2021-2022.

Come funziona l’iniziativa di Piquadro

Il bonus sarà riservato ai dipendenti che non ricevono altre forme di premialità economica, ai quali viene riconosciuta la passione con cui hanno lavorato, attraverso un’intera mensilità in più in busta paga.

Il CEO e founder di Piquadro, Marco Palmieri, è particolarmente soddisfatto delle performance registrate nell’ultimo anno, in particolare per ciò che riguarda l’export e l’e-commerce e, insieme al CDA, ha deciso di condividere i risultati finanziari con dipendenti e collaboratori.

Alla base della scelta, anche il contesto economico generale, particolarmente complesso e difficile per molte famiglie: l’aumento costante del costo della vita, la difficoltà di gestione dei figli e dei propri anziani, l’incertezza del futuro, hanno portato i dirigenti di Piquadro a riflettere sulla possibilità di sostenere concretamente le persone che lavorano in azienda.

L’importanza dell’engagement

L’iniziativa di Piquadro rientra nel tema del benessere delle persone, che non può che essere al primo posto nella lista delle priorità per le aziende.

Coinvolgere e far sentire la persona parte integrante dell’azienda, offrendo opportunità di crescita professionale è l’imperativo determinante per attrarre e mantenere i talenti.

In uno scenario in cui il mercato del lavoro, oggi più che mai, deve investire e reinventarsi se vuole trattenere e valorizzare il suo capitale umano, l’iniziativa di Piquadro si colloca senza dubbio in una posizione di prestigio.

Specializzato nel settore degli accessori in pelle, attraverso i marchi Piquadro, The Bridge e Lancel, il gruppo Piquadro si estende su oltre 50 paesi nel mondo, e conta 180 punti vendita che, a loro volta, includono 80 boutique a insegna Piquadro (52 in Italia e 28 all’estero), 13 boutique a insegna The Bridge e 80 boutique a insegna Lancel.

Il fatturato consolidato del gruppo, relativo all’esercizio 2020/2021 chiuso al 31 marzo 2022, è pari a 149,4 milioni di euro.

 

 

Leggi anche:

‘Comunicazione e work engagement, il lavoro è fatto di relazioni’

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli