Come destinare i premi di produzione al fondo pensione

Impiegata con riconoscimento per i risultati ottenuti

(foto Shutterstock)

I premi di produzione si possono convertire in welfare aziendale e fondi pensione. Una scelta molto conveniente dal punto di vista fiscale

Il welfare aziendale è l’insieme di tutti i beni o servizi che un’azienda offre ai propri dipendenti al fine di migliorare la loro qualità di vita e lavorativa.

I benefit possono essere i più diversi: i più comuni sono i buoni pasto, ma tante aziende offrono anche, ad esempio, abbonamenti per attività sportiva, previdenza complementare, abbonamenti per mezzi pubblici, borse di studio per i figli. I vantaggi del welfare aziendale sono contributivi e fiscali, oltre all’utilità del bene o del servizio.

Aziende e lavoratori non pagano, o pagano meno, contributi e tasse sul valore di quanto ricevuto.

Perché convertire il premio di risultato in welfare

Alla voce welfare possono essere riportati anche i premi di risultato. Se il contratto collettivo e l’azienda lo consentono, infatti, il lavoratore può scegliere di riceverli in denaro o di convertirli in benefit: una scelta, questa, molto conveniente dal punto di vista economico.

Se corrisposti al lavoratore in denaro, infatti, i premi di risultato si “alleggeriscono” dell’imposta sostitutiva Irpef e del contributo INPS, per un taglio complessivo intorno al 20%.

Una novità, introdotta con la Legge di Bilancio 2017, prevede inoltre un’ulteriore possibilità, ovvero quella di convertire i premi di risultato, in tutto o in parte, in contributi a fondo pensione.

Una scelta vantaggiosa: la conversione in contributi a fondo pensione

Una scelta estremamente vantaggiosa dal punto di vista fiscale. Per prima cosa perché questi contributi partecipano dei benefici del welfare aziendale, quindi non sono soggetti a imposta sostitutiva del 10% e non concorrono a formare reddito da lavoro.

Inoltre non vengono tassati nemmeno in fase di prestazione e in più il lavoratore gode anche dei vantaggi fiscali della previdenza complementare, che nell’ambito del welfare aziendale si fanno ancora più ricchi.

Nel dettaglio: la deducibilità fiscale aumenta, la parte dei premi convertiti in pensione integrativa non viene tassata e, in più, sia il lavoratore che l’azienda risparmiano totalmente l’imposta dovuta all’INPS, che viene compensata con la conversione del premio in pensione integrativa.

Non tutte le banche e aziende assicurative hanno una struttura tale da poter offrire questo servizio, ma tra queste c’è Generali Italia, che offre consulenze su come destinare questi premi, esponendo il notevole vantaggio fiscale e contributivo. Per saperne di più, contatta l’Agenzia Generali Padova Facciolati

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.