Creatività a lavoro: come stimolarla e perché

Ragazza creativa

(Foto: Shutterstock)

La creatività è utile nella vita come in ufficio: facilita la risoluzione dei problemi e permette di immaginare scenari inaspettati. Qualche suggerimento per stimolarla

Creatività significa trovare soluzioni utili e nuove, immaginare vie alternative, cambiare prospettiva e abbattere le barriere del consueto. Chi riesce a creare prodotti e servizi utili, non solo nell’immediato ma negli anni a venire, è un creativo con grandi vantaggi rispetto agli altri. Invece di produrre soluzioni sempre identiche, infatti, sa mettere sul mercato qualcosa di nuovo. Molto apprezzata quando emerge in modo spontaneo, la creatività non è però sempre “coltivata” a dovere. Esistono invece alcuni semplici consigli per creare un terreno fertile dove farla crescere rigogliosa. Ne parliamo con Elena Magello, Psicologa del lavoro, Consulente organizzativa e Formatrice per le risorse umane.

Creatività, una dote non del tutto innata

«Quando pensiamo ai creativi, soprattutto in ambito lavorativo» spiega Magello «tendiamo a immaginare personaggi particolari, spesso con un quoziente intellettivo molto elevato. In realtà, pur essendoci anche questi esempi, la creatività è un bagaglio molto più comune di quanto si pensi. Non è un dono né un talento, ma qualcosa che utilizziamo quotidianamente per risolvere i problemi. I bambini ad esempio sono molto creativi perché vivono in un mondo non strutturato, privo delle barriere e dei binari mentali a cui la società ci abitua». Come coltivare, dunque, questa preziosa risorsa? Ecco i consigli dell’esperta. 

Banner Banner

Creare un ambiente stimolante

«Inevitabilmente» spiega Magello «il contesto in cui lavoriamo influenza i nostri pensieri: un ambiente asettico, privo di colore o con un arredamento troppo essenziale, sicuramente non incentiva la creatività. Al contrario un ufficio ricco di colori, di luce, di elementi in grado di catturare l’attenzione e di stimolare la riflessione, come può essere un’opera d’arte, costituisce un ambiente più stimolante»

Creare occasioni di scambio e confronto informale

A favorire o meno la creatività in ufficio non è solo la gestione degli spazi, ma anche del tempo. «Se la giornata è troppo piena, tanto da non lasciare spazio alla condivisione informale», conferma l’esperta «la creatività ne risente. Utilissimi sono invece i momenti dove lo scambio nasce in modo naturale e spontaneo. Non serve che siano momenti immaginati ad hoc con questo obiettivo: la pausa pranzo è un’ottima occasione. Incentivare i lavoratori a trascorrerla insieme può essere uno stimolo importante per la creatività»

Riunioni partecipate e brain storming 

Le riunioni aziendali possono essere un momento di ascolto passivo, se parla solo il capo, oppure un incontro partecipato. Coinvolgere i dipendenti chiedendo la loro opinione o con attività di brain storming (esistono tecniche specifiche) può dimostrarsi molto utile. Ma ad una condizione, sottolinea Magello: «le idee non vanno mai giudicate. Alcune saranno vincenti, altre meno, ma le persone devono sentirsi libere di esporsi. Diversamente, i condizionamenti esterni e la paura del giudizio rischiano di rendere l’attività del tutto inefficace»

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli