Il congedo per malattia del figlio: le domande più frequenti

(foto Shutterstock)

Scheda di sintesi

IN COSA CONSISTE IL CONGEDO PER MALATTIA DEL FIGLIO?

Si tratta di periodi di astensione dal lavoro, fruibili dai genitori, alternativamente tra loro, in caso di malattia del figlio.
In particolare:

  • per i figli di età inferiore ai 3 anni, il congedo ha durata corrispondente a quella della malattia di ciascun figlio;
  • per i figli di età compresa tra i 3 e gli 8 anni, la durata massima è di 5 giorni lavorativi annui per ogni genitore, e per la malattia di ogni figlio.

Esempio: se una famiglia ha due figli che si ammalano entrambi nell’arco dello stesso anno, ogni genitore ha a disposizione 10 giorni di astensione lavorativa (ma non potranno usarli contemporaneamente).

COME FARE DOMANDA?

Il genitore che intenda utilizzare i permessi per malattia del bambino deve presentare al proprio datore di lavoro un certificato medico rilasciato da uno specialista del S.S.N. o con esso convenzionato insieme a una apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi dell’art. 47 D.P.R. n. 45/2000, dalla quale risulti che l’altro genitore non sia in congedo negli stessi giorni e per lo stesso motivo.

È PREVISTA UN’INDENNITÀ?

Questo periodo di astensione, per i dipendenti del settore privato, non è retribuito.
Per i dipendenti del settore pubblico, invece, è prevista la retribuzione per intero solo nei primi 30 giorni di assenza, per ciascun anno, e fino al 3° anno di età del figlio, mentre i giorni di assenza successivi non sono retribuiti.

SONO PREVISTE VISITE FISCALI?

La disciplina relativa alle visite fiscali, in apposite fasce orarie di reperibilità, si applica solo ai casi di malattia del lavoratore, non anche del bambino.
Da ciò consegue che, in caso di congedo per malattia del figlio, il genitore non ha l’obbligo di reperibilità durante gli orari della visita (10.00-12.00 e 17.00-19.00 per i dipendenti privati, 9.00-13.00 e 15.00-18.00 per i dipendenti pubblici).

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli