Digitale e diritti umani: l’Ue lancia un contratto sociale

img 1: “Human rights – Uomo con indosso visore VR”

(foto Shutterstock)

Il digitale deve servire a migliorare la qualità della vita di una persona: l’Unione europea propone una Carta diritti umani

Emergenza climatica, sostenibilità, equità sociale sono le sfide del futuro per tutto il pianeta, e in questi ambiti la tecnologia digitale potrebbe essere determinante. Le conseguenze della transizione digitale, però, derivano da chi la guida: ecco perché l’Unione europea propone una Carta che regolamenti questa trasformazione, ispirandosi alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Tanti modi per innovare, un contesto unico per il digitale

Innovazione sì, a patto che la transizione venga regolamentata anteponendo i diritti delle persone al profitto. L’Unione europea sta pensando ad un unico contesto di riferimento per il digitale: una serie di norme indirizzate a riformare le regole dei mercati dei servizi digitali, dell’intelligenza artificiale e della gestione dei dati.  

Banner Banner

Il senso di queste proposte normative risiede nella volontà dell’Unione di costruire un futuro digitale che ponga davvero le persone al centro del progetto. Un vero e proprio apparato giuridico che regolamenti la gestione delle grandi piattaforme digitali, preservando la privacy dei cittadini, e proteggendo i dati. 

Digitale e diritti umani, un sistema di regole

La Commissione europea sta cercando di ascoltare le tante voci che chiedono, ormai da tempo, una Carta che definisca cosa è giusto nel mondo digitale, e quale società si vuole sviluppare utilizzando le nuove tecnologie, partendo dal presupposto che esse debbano essere un fattore di miglioramento della vita quotidiana, e un’occasione per favorire l’equità sociale. Nel mondo del lavoro, giusto per fare un esempio, la transizione informatica deve favorire il benessere delle persone, aumentare l’occupazione, senza dimenticare il rispetto dell’ambiente. Gli strumenti ci sono tutti: la ricerca fa passi da gigante, e le potenzialità per andare verso la sostenibilità economica e sociale vanno semplicemente colte. 

La Dichiarazione dei diritti nella sua versione finale, firmata dal Parlamento e dal Consiglio diventerà la fonte di ispirazione per dare una direzione a tutta la politica europea nei prossimi 10 anni. La Carta fa riferimento ad una transizione digitale che avvantaggia tutti, con regole che favoriscono l’innovazione legata alla tutela dei diritti. 

Una rete libera sicura, per una società inclusiva

La Dichiarazione ha una forte valenza politica: stabilisce il principio che più le imprese hanno benefici economici dalla rete, più esse devono contribuire a rendere la rete internet libera e sicura, accessibile a tutti. Richiede che l’ambiente digitale protegga la libertà di scelta dei cittadini, contribuisca alla sostenibilità e a costruire una società inclusiva

Il percorso di una transizione digitale che non lasci indietro i diritti della persona, ha tempi più lunghi, ma sicuramente un ritorno migliore per i cittadini. L’Unione europea sta lavorando per un contratto sociale digitale che possa essere determinante anche nelle scelte politiche dei singoli Paesi.

Leggi anche:

‘Sostenibilità. Tecnologia a servizio delle imprese sociali’

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli