Stress da lavoro: Microsoft per il benessere aziendale

Sede Microsoft

(foto Shutterstock)

Microsoft ha pubblicato contenuti video dedicati a lavoratori e aziende, per promuovere i benefici del lavoro ibrido e del giusto work life balance

Microsoft è da sempre tra le aziende più attente al benessere dei lavoratori: è stata pioniera nello sperimentare la settimana lavorativa di quattro giorni e tra le prime aziende a dare il via libera allo smart working permanente. Nel 2021 ha avviato il percorso digitale Benessere al Lavoro: nuove risposte a nuovi bisogniper favorire la diffusione della cultura del benessere sul luogo di lavoro. Lo scorso anno è stato eletto anche un mese, giugno, interamente dedicato al benessere dei dipendenti.

L’indagine Microsoft: italiani stressati dalla pandemia e alla ricerca di nuovi stimoli

L’azione di Microsoft trova solide motivazioni nelle indagini statistiche, che vedono i lavoratori, in particolare quelli italiani, sempre più stressati e propensi al cambiamento.  Secondo i dati dell’ultimo Work Trend Index di Microsoft, infatti, gli italiani si sentono sempre più esausti (47%), oberati dalla mole di attività (68%) e credono che l’organizzazione di cui fanno parte non li supporti a sufficienza nella gestione del work-life balance (24%).

Condizioni che portano sempre più persone a valutare di cambiare lavoro, soprattutto tra i più giovani, con il 48% dei lavoratori appartenenti alla Generazione Z che sta considerando di lasciare il proprio datore di lavoro attuale. E se lo stress lavoro correlato è un problema che esiste da sempre, la pandemia ha spesso acuito o fatto emergere malumori dormienti, stimolando la voglia di cambiamento.

 Un nuovo modo di lavorare, ibrido e rispettoso del work life balance

Di qui l’urgenza di lavorare sul benessere dei dipendenti. Nel corso degli ultimi due anni, il mondo del lavoro ha vissuto un radicale cambiamento che sta conducendo a un nuovo paradigma della fruizione degli ambienti di lavoro e in generale delle modalità di collaborazione e produttività.

E l’intenzione di Microsoft è quella di avviare un confronto su come coniugare produttività ed equilibrio psicofisico delle persone. Come? Chiamando all’azione le imprese per promuovere il lavoro ibrido, valorizzare le persone, garantire il rispetto del work-life balance e rispondere alle nuove esigenze nate con il remote working.

Le iniziative in favore del benessere lavorativo

Microsoft ha quindi messo online una serie di contenuti video, invitando le organizzazioni a pianificare momenti di condivisione con i lavoratori. Ad esempio, facendo leva sulle moderne piattaforme di collaborazione e condivisione come Teams per scoprire insieme nuove routine quotidiane e confrontarsi sull’importanza del benessere sul posto di lavoro.

Il percorso gratuito è stato pensato da Microsoft per avere un impatto benefico su tutto il vasto ecosistema di imprese italiane, dalle grandi aziende, fino alle PMI e ai liberi professionisti, supportando così anche le realtà che non hanno al proprio interno le competenze e le risorse necessarie per promuovere il benessere dei lavoratori.

I tre pilastri del percorso Microsoft

L’iniziativa si articola in tre pilastri: Mindset, tre contenuti su come (ri)progettare un’organizzazione che metta il benessere delle proprie persone al centro; Model, Coach and Care, tre esempi concreti di modelli orientati al benessere, che traggono spunto dalle esperienze dei manager di Microsoft; e Mindfulness, un percorso in sei video che spiega cos’è la mindfulness e il ruolo che può avere nella quotidianità lavorativa, proponendo delle brevi pratiche di diversa durata e tipologia da inserire durante la giornata.

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli