Tod’s guarda al futuro della moda e fonda il progetto “Legacy”

Tod’s guarda al futuro della moda e fonda il progetto “Legacy”

(foto https://www.facebook.com/centralsaintmartins/)

Un investimento sui giovani creativi, che il marchio intende sostenere offrendo loro risorse e strumenti per sviluppare i talenti

Investire sui giovani creativi per uscire dalla crisi. É la via tracciata dal colosso calzaturiero Tod’s, che battezza il progetto con un nome evocativo: Tod’s Legacy. Come a dire: questa è l’eredità che intendiamo lasciare. Una miniera di talenti in grado di guardare al futuro assicurando, con la propria creatività, il perdurare dello splendore del mondo fashion. L’iniziativa è stata lanciata lo scorso 19 febbraio, in apertura della London Fashion Week, con un grande progetto digitale su una piattaforma dedicata.

Un laboratorio internazionale con il cuore italiano

Voluta dal gruppo Tod’s e coordinata da Fabio Piras, Course director del Central Saint Martins MA Fashion Course, Tod’s Legacy è il frutto della collaborazione (avviata lo scorso luglio nell’ambito di Tod’s Academy) con il prestigioso art and design college Central Saint Martins, University of the Arts di Londra.

Tod’s Academy è un laboratorio di idee con sede negli headquarters marchigiani del brand, immaginato come luogo del fare e del pensare. Gli artigiani accompagnano e supportano i giovani, offrendo loro modi e tecniche per realizzare prodotti, in un’ottica di continuità generazionale, mixata con il moderno e personale punto di vista dei creativi. La creatività del designer dialoga con i valori di Tod’s in totale libertà in un contesto di pura creatività, manualità, scambio di sapere.

Protagonisti del progetto Tod’s Legacy sono 35 giovani designers, scelti direttamente dalla Central Saint Martins, provenienti da ogni angolo del globo. Una selezione senza frontiere, che arricchisce il mondo Tod’s di ulteriori sfaccettature, di nuovi punti di vista, visioni e valori. 

Sostenibilità sociale

Attraverso questa collaborazione, in un’ottica di sostenibilità sociale e inclusione, ogni studente ha ricevuto una scholarship, ovvero un supporto concreto ai propri studi e al proprio sviluppo professionale. 

A ogni studente è stato chiesto di dare la propria interpretazione di uno o più codici Tod’s, concentrandosi sul processo creativo che ha portato alla proposta finale. Oggetto di libera ricerca sono state le icone come le tecniche del brand: D Bag, Gommino, T Timeless, lavorazioni a mano. Questo repertorio è stato letto attraverso personalissime lenti: decostruito, destrutturato, trasformato in patchwork, ricamato, realizzato in materiali ecosostenibili o assegnato a nuove funzioni d’uso. Un vero processo di analisi, nel quale ogni studente è stato affiancato, come mentore, da un fashion master che potesse valutare le scelte, dialogare, suggerire.

Corpo docenti internazionale 

La rosa dei mentori coinvolti in Tod’s Legacy comprende alcuni tra i più prestigiosi editor, giornalisti e designer internazionali. Il risultato è una interpretazione personale dell’idea stessa di legacy, intesa come bagaglio culturale e creativo. Partendo dal patrimonio di Tod’s per interpretarlo in modo innovativo e spontaneo, questa generazione di creativi fonde al marchio la propria legacy fatta di cultura, studi, famiglia. Alcuni di loro avranno inoltre la possibilità di arricchire ulteriormente le proprie conoscenze, svolgendo una internship presso Tod’s Academy.

Leggi anche:

ARTIGIANI 4.0: COSÌ RINASCONO I MESTIERI DELLA TRADIZIONE

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli