Reddito di cittadinanza, reato penale per chi lavora in nero

Reddito di cittadinanza, reato penale per chi lavora in nero

(foto Shutterstock)

Sono previste pesanti sanzioni per chi è beneficiario del reddito di cittadinanza e non denuncia di avere un rapporto di lavoro

Tempi duri per i «furbetti del reddito». Può costare caro trovare un’occupazione in nero e continuare a percepire il reddito di cittadinanza.

Con l’intensificarsi dei controlli sui beneficiari sono sempre più frequenti le pronunce giudiziali che condannano i «furbetti del reddito», ossia coloro che prestano attività lavorativa in nero in modo da non risultare occupati e continuare così a incassare ogni mese l’assegno del reddito.

Banner Banner

Con una recente sentenza – la numero 25306 del 9 giugno 2022 – la Corte di Cassazione ha confermato la sentenza che aveva in precedenza condannato a un anno e un mese di reclusione il percettore del reddito trovato a lavorare in nero.

Si può lavorare con il reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza è una misura di sostegno al reddito per soggetti privi di occupazione. È un beneficio economico a cui possono accedere i nuclei familiari con determinate caratteristiche e requisiti reddituali.

 Al momento della presentazione della domanda, il soggetto richiedente deve dichiararsi immediatamente disponibile ad accettare incarichi lavorativi. L’obbligo riguarda non solo il richiedente, ma tutti i familiari maggiorenni.

Nelle intenzioni del legislatore, infatti, questo beneficio dovrebbe essere una misura temporanea di sostegno, in attesa che, attraverso i centri per l’impiego, si riesca a trovare un’occupazione al soggetto beneficiario dell’assegno.

La durata del sussidio, infatti, è di 18 mesi, prorogabili su istanza dell’interessato. Se durante questo periodo il beneficiario trova una qualsiasi occupazione, è obbligato a comunicare l’avvio dell’attività lavorativa.

Secondo l’art. 3 del decreto legislativo 4/2019 «l’avvio  dell’attività di lavoro dipendente è comunque comunicato dal lavoratore  all’INPS» tramite un CAF o accedendo alla propria posizione personale nel sito dell’Istituto.

 Qual è la sanzione se si lavora in nero?

Una delle truffe più diffuse è quella di trovare un’occupazione in nero. In questo modo l’INPS non si accorge che la persona ha un lavoro e quindi non revoca il beneficio, permettendo al beneficiario del sussidio di continuare a percepirlo.

Si tratta, tuttavia, di una condotta penalmente rilevante e punita severamente. L’art. 7 del decreto legge 4/2009 prevede che «l’omessa  comunicazione delle variazioni del reddito o del patrimonio, anche se provenienti da attività irregolari, nonché di altre informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca o  della riduzione del beneficio entro i termini, è punita con la reclusione da uno a tre anni.» 

Non solo. In seguito alla condanna definitiva (o al patteggiamento), c’è l’immediata revoca del beneficio con efficacia retroattiva e il beneficiario è obbligato a restituire quanto indebitamente percepito.

Inoltre, il soggetto deve aspettare dieci anni dalla condanna per presentare una nuova domanda. 

I nuovi controlli sui beneficiari

La legge di bilancio 2022 ha intensificato i controlli sui percettori proprio al fine di evitare situazioni di abuso.

Un ruolo fondamentale di vigilanza è svolto dai Comuni, quale ente più vicino ai beneficiari e in possesso di numerose informazioni sul beneficiario e sul suo nucleo familiare.

Nel caso in cui il Comune individui un possibile abuso, è tenuto immediatamente a informare l’Inps.

Inoltre, con cadenza mensile, deve essere monitorato l’andamento del patto per l’inclusione, proprio al fine di verificare i risultati raggiunti e il rispetto degli impegni assunti nel progetto individuale. Anche questa è una misura di contrasto alle ipotesi di abuso del reddito.

 

 

Leggi anche:

Reddito di cittadinanza, i controlli sui beneficiari

Domanda reddito di cittadinanza, ecco le istruzioni

Che cos’è la pensione di cittadinanza?

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli