Sostenibilità in ufficio, Manpower sperimenta cestini intelligenti e wellness box

Raccolta differenziata

(foto Shutterstock)

La società, in collaborazione con la startup belga Ekowz, ha avviato un progetto per implementare tecnologie intelligenti sul posto di lavoro

ManpowerGroup, in collaborazione con la startup belga Ekowz, ha avviato, in esclusiva in Italia, un progetto pilota in ambito ESG. L’iniziativa ha l’obiettivo di rendere i luoghi di lavoro più rispettosi dell’ambiente, aumentando la consapevolezza delle persone che ci lavorano e alimentando comportamenti più sostenibili in ufficio, attraverso l’uso di dispositivi IoT interconnessi.

Questo progetto di responsabilità ambientale si aggiunge agli altri inclusi nel piano di sostenibilità del Gruppo, impegnato a raggiungere il Net Zero entro il 2045. Lo farà attraverso l’ottimizzazione delle trasferte aziendali, progetti per un commuting sostenibile, riduzione degli sprechi e dell’utilizzo di plastica, come descritto nel nuovo report ESG Working to Change the World.

Cestini intelligenti e wellness box

Nello specifico, nell’headquarter italiano di ManpowerGroup sono stati installati smart bins e alcune wellness box ideate da Ekowz. I “cestini intelligenti” sono stazioni ecologiche per la raccolta differenziata alle quali ogni persona del building ha accesso tramite un apposito NFC tag. Le stazioni rilevano in tempo reale la quantità di rifiuti prodotti, tramite la rilevazione del loro peso, e la frequenza di utilizzo.

Le wellness box, invece, sono dispositivi dotati di sensori che analizzano costantemente la qualità dell’aria, il rumore, la luminosità e la temperatura dei vari ambienti di lavoro e segnalano eventuali necessità di intervento nel caso alcuni parametri dovessero risultare superiori alla soglia suggerita.

Dati e consigli per migliorare la sostenibilità della struttura

I dati raccolti sullo spazio di lavoro e sui consumi di risorse sono messi a disposizione dell’azienda e di tutto il personale in forma aggregata e sono consultabili attraverso delle dashboard. Le informazioni personali del singolo utente, invece, restano private.

Attraverso tablet interattivi tutti gli utenti possono beneficiare di suggerimenti per migliorare la propria raccolta differenziata e ridurre la quantità di rifiuti prodotta in ufficio, monitorare i punteggi sulla qualità dell’ambiente lavorativo, esprimere il proprio grado di soddisfazione e partecipare a quiz e challenge.

L’azienda, inoltre, attraverso l’analisi di questi dati può determinare l’impatto ambientale di tutta la struttura e dei singoli piani, potendo così agire in modo mirato e consapevole sulla propria sostenibilità.

Cestini intelligenti
Cestini intelligenti

Due obiettivi: tutela dell’ambiente e benessere della persona

«Siamo molto orgogliosi dell’avvio di questo progetto», afferma Anna Gionfriddo, Amministratrice Delegata di ManpowerGroup Italia «a cui abbiamo partecipato fornendo a Ekowz il nostro supporto e un’attività di mentorship mirata.

Il progetto unisce due obiettivi su cui siamo costantemente impegnati: la tutela dell’ambiente e il benessere delle persone sul posto di lavoro. In ManpowerGroup crediamo con forza che sostenibilità ambientale e sociale debbano essere portate avanti insieme.

Grazie a progetti come questo, possiamo coinvolgere le nostre persone nella strategia di sostenibilità adottata ed essere tutti più consapevoli dell’impatto ambientale. Il fine ultimo di questo tipo di iniziative, inoltre, è quello di stimolare e ispirare anche altre aziende, a partire dai nostri clienti, nell’implementazione di progetti simili»”.

 

Leggi anche:

Primark punta su sostenibilità, inclusione, accessibilità e design

Good is beautiful: sostenibilità secondo Maisons du Monde

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli