Lavoro del futuro e nuove tecnologie. I robot sensibili di Sony e le novità per la realtà virtuale

img 1: “Robot Manipulator Sony”

(foto SONY)

Il Manipulator, uno dei nuovi prodotti Sony, riproduce la delicatezza della mano umana. Verrà usato in sanità, istruzione, spettacolo e comunicazione

I robot sono pronti ad entrare nella quotidianità dei settori legati ai servizi: a procedere a passi spediti verso la perfezione della robotica è Sony, il colosso specializzato nell’elettronica che ha messo a punto il Manipulator, destinato ad entrare negli ambiti lavorativi legati a istruzione, sanità spettacolo, comunicazione, e tutto ciò che possa avere a che fare con il contatto con il pubblico

Ma non solo: nelle scorse settimane Sony ha presentato altre innovazioni tecnologiche all’avanguardia, strumenti in grado di cambiare e migliorare il mondo del lavoro. 

Il Manipulator, l’evoluzione della robotica

La robotica ha come obiettivo quello di ottimizzare i processi di produzione delle aziende e, in generale, migliorare il lavoro delle persone, anche nel settore dei servizi. La ricerca tecnologica messa in atto dalla multinazionale giapponese Sony ha permesso di ottenere il Manipulator, un robot decisamente speciale, che potrà essere utilizzato in molti campi di servizio indispensabili per la collettività

L’elemento su cui i ricercatori hanno lavorato, è migliorare il modo in cui il robot può eseguire in sicurezza interazioni che comportano il contatto fisico con persone, oggetti e ambiente, mantenendo l’equilibrio delle forze, requisiti diversi rispetto a quelli dei robot industriali. In altre parole, tramite dei sensori molto specifici, il Manipulator è in grado di moderare e controllare la forza e la pressione con cui afferra qualsiasi oggetto. La sfida del prossimo futuro sarà quella di realizzare movimenti di attività e operazioni in contesti come i lavori domestici, in cui sono richiesti movimenti fluidi con la condivisione dello stesso spazio con gli umani.

Il visore 8K, immagini dettagliate simili alla vita reale

Sony ha realizzato un prototipo di visore che permette di migliorare in modo esponenziale la qualità delle immagini di realtà virtuale. Il visore è costituito da un display che proietta uno spazio 3D ad alta definizione e raggiunge una risoluzione elevatissima con entrambi gli occhi. La tecnologia sviluppata fa sì che la persona che utilizza il visore 8k, in quel momento potrà vedere immagini ad alta definizione, in tempo reale, secondo il movimento della sua testa.

Il visore può essere utilizzato nell’ambito del gaming, e nel contesto dello smart working, permettendo alle persone di raggiungere una qualità d’immagine assolutamente impensabile fino a poco tempo fa. La corrispondenza con la realtà migliorerà l’interazione a distanza con i colleghi, e la riuscita dei meeting non in presenza.  

Minamori, la piattaforma per la tutela dell’ambiente

La creatività di Sony ha dato vita anche alla piattaforma Minamori per monitorare la Terra: si tratta di un sistema in grado di rilevare anomalie ambientali ed eventi anche catastrofici, aiutando così a prevenire i problemi prima che si verifichino. Il sistema è composto da sensori di umidità del suolo capaci di misurare il contenuto di umidità, da un sistema di comunicazione satellitare che utilizza una tecnologia di comunicazione wireless molto specifica , e da una sofisticata tecnologia di analisi dei dati predittiva che utilizza l’Intelligenza Artificiale.

Leggi anche:

‘Metaverso, i guanti atipici per toccare gli oggetti virtuali’

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.