Auto elettriche nel welfare aziendale

Auto elettriche nel welfare aziendale

(foto Shutterstock)

La carica gratuita dell’auto elettrica offerta come benefit ai propri dipendenti rientra nel welfare aziendale e quindi non è soggetta a tassazione

L’Agenzia delle Entrate ha fatto rientrare per la prima volta il beneficio di sei mesi di carica gratuita dell’auto elettrica offerto da un’azienda ai suoi dipendenti all’interno del welfare aziendale. 

Rispondendo all’interpello n. 329/2022, ha infatti provato le ragioni per le quali questo tipo di beneficio non è soggetto a tassazione.

Banner Banner

Il caso 

È possibile offrire ai propri dipendenti un servizio senza doverci pagare le tasse? È la domanda che ha posto all’Agenzia delle Entrate un’azienda che voleva riconoscere a tutti i lavoratori, per un periodo di sei mesi, la ricarica gratuita della loro autovettura elettrica.

L’Azienda, come il Gruppo da cui deriva, è da anni in prima linea per lo sviluppo e accrescimento di un’educazione volta alla sostenibilità ambientale e sociale. Proprio per questo motivo, e per indurre i propri lavoratori a investire nel mezzo di trasporto elettrico, ha deciso di avviare questo progetto.

Oltre all’attenzione per l’aumento dell’efficienza energetica e per diminuire il proprio impatto ambientale, l’Azienda ha inoltre svolto un puntuale lavoro di informazione e sensibilizzazione su tematiche ambientali.

Perché Welfare Aziendale?

Il mezzo con cui l’Azienda intende dar seguito al proprio progetto è il Welfare Aziendale.

Il Welfare Aziendale, previsto e disciplinato all’interno del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir), permette di erogare beni o servizi alla generalità dei dipendenti o a categorie predeterminate di essi, con la possibilità di beneficiare da un lato della non imponibilità dei servizi erogati, dall’altro della irrilevanza dei benefit nel reddito imponibile del dipendente cui ne fruisce.

L’art 51 del Tuir, infatti, in via generale prevede che costituiscono reddito da lavoro dipendente «tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti, […], in relazione al rapporto di lavoro».

Lo stesso articolo, però, fa salve le deroghe espressamente previste, con riguardo particolare a quello che viene comunemente definito come welfare aziendale.

Tutto ciò, quindi, va ad azzerare il c.d. «cuneo fiscale», cioè la differenza, in questo caso, tra il valore del bene «lordo» erogato dall’Azienda, e quello ricevuto, al netto delle tasse, dal dipendente.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate

La risposta fornita dall’Istituto precisa che, affinché una somma o un valore non vada a formare reddito di lavoro dipendente, devono verificarsi congiuntamente più condizioni riguardo le opere e i servizi forniti:

  • devono essere messi a disposizione della generalità dei dipendenti o di categorie di essi;
  • devono riguardare erogazioni in natura e non erogazioni sostitutive in denaro;
  • devono perseguire finalità di educazione, istruzione o le altre ipotesi previste dall’art. 100, c.1 del Tuir.

Il parere conclusivo

Nell’Azienda in questione, sono stati riscontrati tutti i requisiti minimi richiesti, dal momento in cui la possibilità di fruire del servizio è data a tutti i dipendenti che siano in possesso di specifici e oggettivi requisiti, come l’aver comprato una vettura elettrica in un dato periodo di tempo.

Inoltre, a sottolineare l’impegno dell’Azienda in questo progetto, è stato stipulato un accordo aziendale.

L’imponibilità di una somma significa pagare le tasse sulle somme erogate, siano esse considerate come soldi «liquidi», sia sotto forma di benefit, a meno che non rientrino in quelli espressamente esclusi. 

Nel caso di specie vengono dichiarati come non imponibili, in quanto le somme sono atte a specifiche finalità di educazione e istruzione, così come previsto dall’art. 100, c.1 del Tuir.

Secondo questo articolo, quindi, il benefit offerto dall’azienda ai suoi dipendenti non dovrà essere assoggettato a tassazione.

 

 

Leggi anche:

Talq di Quintegia, talent lab per emergere nell’automotive

Welfare aziendale: cosa fare con il 730?

Welfare e well being, benefit di DAI per alimentazione bilanciata

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli