Coronavirus, cassa integrazione e ferie

(foto Shutterstock)

Come funzionano le ferie durante la cassa integrazione?

QUANDO SI È IN CASSA INTEGRAZIONE, MATURANO LE FERIE?

Per rispondere alla domanda bisogna distinguere il caso della sospensione a zero ore da quello della riduzione lavorativa.

In caso di sospensione a zero ore il lavoratore non maturerà alcun giorno di ferie, salvo che il c.c.n.l. applicato non stabilisca diversamente. 

Qualora invece nel mese vi sia alternanza di lavoro e di cassa integrazione, quindi periodi di non lavoro, le ferie matureranno in base ai giorni lavorati, secondo le regole del proprio c.c.n.l. (di solito si deve aver lavorato per almeno 15 giorni perché si maturino le ferie).

QUANDO SI È CASSA INTEGRAZIONE, SI HA DIRITTO AD ANDARE IN FERIE?

Anche in questo caso bisogna distinguere la sospensione a zero ore dalla riduzione lavorativa.

In caso di sospensione a zero ore della prestazione lavorativa, il diritto ad andare in ferie non può esistere in quanto viene a mancare il vero e proprio scopo delle ferie, cioè il recupero delle energie psicofisiche.

Qualora vi sia solo riduzione dell’attività lavorativa è possibile fruire delle ferie, sempre che il datore di lavoro le autorizzi. 

LE AZIENDE SONO OBBLIGATE A FAR FRUIRE LE FERIE AI LAVORATORI PRIMA DI ATTIVARE LA CASSA INTEGRAZIONE?

Le prime disposizioni dei decreti di marzo 2020 consigliavano alle aziende di far fruire le ferie maturate a quei lavoratori che non potessero svolgere il proprio lavoro in smart working. Questo al fine di tutelare la salute dei lavoratori.

CIGO, FIS, CIGD ed FSBA sono ammortizzatori sociali, ovvero gli istituti deputati a integrare la retribuzione di quei lavoratori sospesi a zero, o per qualche ora al mese, nel corso di determinati eventi che hanno messo in difficoltà l’azienda. Nel nostro caso l’evento è il coronavirus.

Anche in assenza del coronavirus, le ferie maturano secondo determinate regole a seconda che si tratti di CIGO, FIS, CIGD e FSBA. Ad oggi le regole sono differenti rispetto a quelle ordinarie per l’accesso ai singoli ammortizzatori sociali:

  • CIGO E FIS: per chi ha diritto alla CIGO non è necessario aver fruito, prima della cassa integrazione, delle ferie maturate, e lo stesso vale per il trattamento FIS.
  • CIGD: normalmente è la singola regione a stabilire le regole. Infatti, alcune regioni hanno stabilito di far fruire ai lavoratori ferie, permessi, e simili prima di accedere alla cassa integrazione. In un secondo momento l’INPS ha stabilito che non è necessario far fruire le ferie ai lavoratori.
  • FSBA: inizialmente era necessario far godere ferie, permessi e altri strumenti di flessibilità prima di accedere al trattamento integrativo della retribuzione, ma oggi non è più necessario.

Leggi anche:

COVID-19, UN LAVORATORE SI PUÒ METTERE IN FERIE FORZATE?
LE FERIE: DOMANDE E RISPOSTE
COME SI CALCOLANO LE FERIE

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli