Corsi di formazione per lavoratori disoccupati I laborability

I corsi di formazione per lavoratori disoccupati

corsi formazione disoccupati

(foto Shutterstock)

I lavoratori disoccupati o inoccupati possono accedere a numerose opportunità formative per arricchire il proprio curriculum. Gli enti formativi accreditati operano in tutte le Regioni e offrono corsi gratuiti ai lavoratori di ogni categoria

Non solo indennità di disoccupazione e misure di sostegno al reddito. Nelle politiche del lavoro la formazione ha un ruolo fondamentale per favorire un efficace e immediato reinserimento dei lavoratori disoccupati. È questo il motivo per cui, al momento della presentazione della domanda di disoccupazione, il lavoratore si deve dichiarare disponibile a frequentare dei corsi di formazione.

Le politiche attive del lavoro

La formazione dei lavoratori disoccupati rientra in quella che comunemente viene definita “politica attiva del lavoro”. Cosa significa questa espressione? Si intendono tutti i servizi, le proposte, gli strumenti finalizzati a formare il lavoratore e facilitarne il reinserimento nel mondo professionale. È una rete capillare, composta dai Centri per l’Impiego, Enti accreditati e società private, distribuita su tutto il territorio nazionale.

Le politiche attive si distinguono dalle “politiche passive”, che consistono in misure di sostegno al reddito, come l’indennità di disoccupazione (NASpI) e il Reddito di cittadinanza.

La dichiarazione di immediata disponibilità

I corsi di formazione rientrano tra i principali servizi delle politiche attive del lavoro. Per poter accedere a questi servizi, la maggior parte gratuiti, è necessario aver ottenuto il riconoscimento dello status di disoccupato. Come si fa? Durante l’iter per la richiesta dell’indennità di disoccupazione è necessario sottoscrivere la Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID): con questa dichiarazione la persona dichiara di essere immediatamente disponibile allo svolgimento di un’attività lavorativa e alla partecipazione ad iniziative per la ricerca attiva del lavoro.

La DID è quindi condizione essenziale per acquisire lo stato di disoccupazione e per poter usufruire non solo della NASpI, ma anche di tutti i servizi utili per favorire il reinserimento nel mercato del lavoro.

I corsi di formazione per disoccupati

Dopo il riconoscimento dello status di disoccupato, il lavoratore può partecipare a numerose offerte formative gratuite.
Chi offre i corsi di formazione? La maggior parte dei corsi formativi per i disoccupati sono gratuiti. Sono offerti direttamente dalle Regioni o più spesso da Enti accreditati: è la cosiddetta formazione finanziata.

Questi corsi permettono di migliorare il proprio curriculum formativo, ottenere patentini e abilitazioni, facilitare l’ingresso o il reinserimento nel mondo professionale.

L’assegno per la formazione

Le Regioni hanno istituito questa particolare forma di politica attiva del lavoro per i disoccupati. Ad esempio, la Regione Veneto ha istituito l’ “Assegno per il lavoro”, il Piemonte il “Buono servizi al lavoro”, la Toscana l’ “Assegno per l’impiego” e analoghe proposte sono offerte, per esempio in Liguria e in altre Regioni e Comuni.

Come funziona?

Consiste nella messa a disposizione del lavoratore di un assegno virtuale che può spendere per partecipare ai corsi di formazione erogati dagli Enti accreditati. In questo, il lavoratore sceglie il piano formativo sulla base delle proprie aspettative e delle proprie competenze. Vi rientrano servizi di assistenza alla ricollocazione, formazione, supporto all’inserimento o reinserimento lavorativo.

I risultati sono incoraggianti: stando all’ultimo report diffuso dalla Regione Veneto, il 74% dei beneficiari dell’Assegno per il Lavoro hanno trovato una nuova occupazione.

 

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli