“Opzione donna” 2021, come andare in pensione prima dei 67 anni

img 1: “Pensione Opzione Donna”ensione prima

(foto Shutterstock)

La legge di bilancio 2021 ha prorogato i termini per la maturazione dei requisiti per accedere alla pensione anticipata "Opzione donna"

Le lavoratrici che abbiano perfezionato i requisiti entro il 31 dicembre 2020 per la pensione anticipata “Opzione donna” potranno andare in pensione nel 2021 grazie alle previsioni contenute nella legge di bilancio 2021. 

Cos’è “Opzione donna”

“Opzione donna” è una tipologia di pensione anticipata prevista per le donne che abbiano maturato determinati requisiti contributivi e anagrafici. A fronte del beneficio previsto per le lavoratrici il legislatore ha previsto l’assegno pensionistico venga calcolato con il metodo contributivo e cioè un metodo che tiene conto di quanto sia stato effettivamente versato nell’arco della vita. 

Opzione donna, requisiti

Per poter ottenere la pensione anticipata “Opzione donna” le lavoratrici devono:

  • aver maturato, entro il 31 dicembre 2020, un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni;
  • avere un’età anagrafica pari o superiore a 58 anni (per le lavoratrici dipendenti) e a 59 anni (per le lavoratrici autonome);
  • aver cessato il rapporto di lavoro, questa previsione si applica solo alle lavoratrici dipendenti. 

Quali contributi sono utili per il raggiungimento dei requisiti di “Opzione donna”?

Ai fini del perfezionamento del requisito contributivo è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata al netto dei periodi di malattia, disoccupazione e/o prestazioni equivalenti, ove richiesto dalla gestione a carico della quale è liquidato il trattamento pensionistico.

Come richiedere “Opzione donna”?

La domanda può essere presentata, successivamente alla verifica dei requisiti, attraverso:

  • il servizio telematico dedicato dell’INPS, autonomamente;
  • chiamando Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile; 
  • procedendo attraverso l’aiuto degli enti di patronato e intermediari dell’Istituto.

Quando si prende “Opzione donna”?

Le lavoratrici conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi:

  • 12 mesi dalla data di maturazione dei requisiti, nel caso in cui il trattamento pensionistico sia liquidato a carico delle forme di previdenza dei lavoratori dipendenti;
  • 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti, nel caso in cui il trattamento sia liquidato a carico delle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi.

Le lavoratrici che hanno raggiunto i requisiti previsti entro il 31 dicembre 2020 possono conseguire il trattamento pensionistico anche successivamente alla prima decorrenza utile.

 

Leggi anche:
5 “trucchi” per andare in pensione prima nel 2021: i requisiti
Pensioni, i principali trattamenti pensionistici nel 2021

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.