Prestazione di lavoro autonomo occasionale: novità 2022

(foto Shutterstock)

La prestazione autonoma occasionale è un tipo di contratto che permette di lavorare come autonomi ma senza dover emettere fattura

Come funziona la prestazione autonoma occasionale?

Questa particolare tipologia di prestazione rappresenta una valida alternativa all’apertura della partita IVA. Infatti, consente di realizzare un’opera o un servizio con lavoro prevalentemente personale e senza vincolo di subordinazione.

L’elemento fondamentale, però, è rappresentato dalla occasionalità quindi, come si rinviene nella legge, le agevolazioni sulle tasse e sui contributi da pagare sono riconosciute solo se la prestazione resa non è abituale.    

Banner Banner

Quali documenti devono essere compilati? 

Non vige l’obbligo di sottoscrivere un contratto, ma è importante compilare la Lettera di incarico e la cd. Notula. 

Nella lettera devono essere contenuti tutti gli elementi essenziali del rapporto ovvero: 

  • dati delle parti coinvolte dal rapporto;
  • oggetto della prestazione;
  • indicazione del compenso lordo, senza includere nell’importo eventuali contributi e/o imposte;
  • indicazione della ritenuta d’acconto IRPEF del 20%;
  • espliciti riferimenti normativi relativi al trattamento economico e normativo del rapporto. Per esempio, sul compenso non si applica l’IVA ai sensi dell’art 5 del Testo Unico dell’imposta sul valore aggiunto.

Nella notula, invece, sono contenuti gli elementi relativi al compenso. Questo documento è simile a una fattura ma, a differenza di questa, non ha valore fiscale e serve solo a certificare che il pagamento del compenso è avvenuto con successo.

Attenzione: se il compenso pattuito è superiore a 77,47 euro è obbligatorio applicare sulla notula una marca da bollo di 2 euro che deve avere una data anteriore rispetto a quella della notula. Questi 2 euro possono essere richiesti a titolo di rimborso al committente.

Quanto può durare questo tipo di prestazione?

La legge non prescrive una durata massima o minima ma, come abbiamo visto, è importante che la prestazione sia circoscritta nel tempo.

Si tratta, infatti, di prestazioni che soddisfano esigenze lavorative limitate nel tempo per cui l’interesse reciproco delle parti cessa al raggiungimento del risultato che è stato concordato.

Attenzione: il lavoratore non puo’ può mai instaurare una prestazione occasionale con il datore con cui ha avuto o ha tuttora un contratto di lavoro subordinato.

Quante prestazioni si possono fare in un anno?

Non ci sono vincoli particolari, ma solo una regola fondamentale: se il compenso annuo supera i 5.000 euro, il prestatore è obbligato a iscriversi alla Gestione Separata INPS e a versare il relativo contributo. Quest’ultimo viene pagato solo per la parte di compenso che eccede i 5.000 euro.

Inoltre, la prestazione resa potrebbe essere soggetta alla cd. ritenuta d’acconto IRPEF pari al 20%, che serve per pagare un acconto sulle imposte.

L’importo che si ottiene dall’applicazione del 20% viene trattenuto dal committente e versato direttamente da lui allo Stato con il modello F24

Ci sono novità nel 2022? 

Si, la legge ha introdotto un nuovo obbligo di comunicazione che però non interessa il lavoratore, bensì il solo committente.

Questo infatti deve obbligatoriamente informare l’Ispettorato dell’instaurazione di tali rapporti secondo precise disposizioni emanate dall’INPS e dall’INL.

È importante sapere che nei confronti del committente che non adempie a quest’obbligo sono previste delle sanzioni amministrative da 500 a 2.500 euro

 

 

Leggi anche:

I contratti di prestazione occasionale PrestO

Lavoro autonomo occasionale, un’alternativa alla partita Iva

Come non perdere la NASpI con i PrestO (gli ex voucher) o il Libretto famiglia

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli