Leadership e intelligenza emotiva: saper gestire le emozioni

img 1: “Guida alpina precede due turisti lungo un sentiero”

(foto Shutterstock)

Riconoscere le emozioni di chi lavora con noi è importante per gestire ogni situazione al meglio

Le emozioni non esistono solo nella vita privata, ma pervadono anche l’ambito lavorativo.

Che sia rabbia o tristezza, delusione o felicità, ogni emozione va gestita al meglio per trasformarla in qualcosa di positivo per la persona che lavora: un buon leader deve possedere la dote dell’intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti per affrontare nel modo migliore anche le situazioni più complesse e problematiche.

L’epoca del leader-capo e della struttura gerarchica in azienda sta volgendo al termine, e sempre di più il leader capace è identificato come una persona che sa entrare in connessione con i propri collaboratori, cogliendone necessità, sofferenze, difficoltà e anche entusiasmo.

Ogni emozione, infatti, dalla più negativa a quella più positiva, se correttamente interpretata e compresa, può trasformarsi in un’occasione di crescita per tutti, dal leader ai colleghi che lavorano nello stesso team.

Trasformare le emozioni con l’intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva consiste nella capacità di percepire, valutare ed esprimere un’emozione. Riuscire a gestire le emozioni proprie e altrui aiuta a vivere meglio, sia nel privato che nel contesto lavorativo: è importante accorgersi quando un collaboratore prova rabbia, o è triste rispetto a una difficoltà riscontrata nello svolgimento di un’attività assegnatagli.

Una volta riconosciuta un’emozione negativa, un leader capace si avvicina al collaboratore, e cerca un confronto costruttivo per capire insieme a lui cosa possa non aver funzionato bene, e come poter rendere una performance più efficace.

Per la persona, sentire la vicinanza e la volontà di comprensione sarà fondamentale per trasformare la difficoltà e l’insoddisfazione in un desiderio di miglioramento. 

Cos’è l’intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva è una competenza composta da cinque aspetti fondamentali: chi possiede questa skill è in grado di conoscere le proprie emozioni, monitorarle, motivarsi utilizzando le emozioni, riconoscere quelle del prossimo, e gestire le situazioni più diverse con una buona dose di autocontrollo.

Queste persone possiedono le competenze della padronanza di sé e del self-control sotto stress.

Gli studi di neuroscienze hanno dimostrato come l’area prefrontale, sede della “memoria di lavoro”, sia messa a dura prova dall’amigdala, la struttura cerebrale che gioca un ruolo chiave nelle emergenze emotive. La capacità dell’area prefrontale di inibire il messaggio proveniente dall’amigdala preserva la chiarezza mentale e mantiene le nostre azioni su una rotta definita, anche nelle condizioni più difficili. 

Intelligenza emotiva e qualità del lavoro

Se non si sanno riconoscere e gestire le proprie emozioni, non si possono gestire quelle degli altri. L’intelligenza emotiva è indispensabile per codificare e interpretare le emozioni, che si possono trasformare in strumenti molto potenti.

Un’emozione negativa gestita male può innescare meccanismi deleteri verso tutti i colleghi, con gravi ripercussioni sulla qualità e la quantità del lavoro.

Riuscire a comprendere l’origine delle nostre emozioni, e saperle gestire positivamente, favorisce la sintonia con i colleghi, superiori e dipendenti, oltre a migliorare il nostro lavoro, specie quando si tratta di un lavoro di squadra.

Esiste una differenza sostanziale tra il capo e il leader: quest’ultimo istruisce i propri collaboratori, senza far percepire il senso di subordinazione, e ascoltando le persone. In questo modo il leader costruisce l’armonia tra tutti i suoi collaboratori, generando entusiasmo e dando fiducia.

Imparare a riconoscere le emozioni, e trasformarle in stimoli per migliorare il lavoro è la chiave del successo.

 

 

Leggi anche:

‘Il leader, esempio e ispirazione per la sua squadra’

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli