Smart working: le startup fanno ritorno in ufficio

img 1: “Impiegata alla sua scrivania in ufficio”

(foto Shutterstock)

Remote working: nell'ultimo anno cambia la tendenza e le startup vogliono fare ritorno in ufficio

Lo smart working è diventato una consuetudine, e anche le normative in materia giuslavorista si stanno adeguando a questa trasformazione. Un cambiamento accelerato dalla pandemia, che oggi, in alcune realtà, sta invertendo direzione.

In particolare, sono le startup a voler tornare in ufficio, e abbandonare l’approccio dello smart working: secondo la piattaforma Flexa Careers, nell’ultimo anno si è verificato un calo del 35% nel numero di startup europee che pubblicizzano ruoli completamente remoti.

Tra la fine del 2021 e l’inizio dell’anno in corso il 31% delle startup pubblicizzava almeno un ruolo completamente remoto su Flexa Careers, sceso al 20% tra agosto e novembre. 

Meglio il lavoro ibrido

Questa inversione di tendenza ha ragioni diverse, ma soprattutto ha fondamento nel cambiamento del modo di lavorare delle persone, e delle aziende. In apparenza, la presa di distanza dai ruoli completamente remoti può sembrare un’involuzione rispetto alla flessibilità e alla gestione mobile dei tempi vita-lavoro. 

In realtà, il lavoro totalmente da remoto può essere sostituito dal lavoro ibrido che, in sostanza, dà maggiori possibilità di scelta alle persone, che possono lavorare in parte da remoto, in parte in ufficio, e in parte attraverso le piattaforme di condivisione virtuale che ci sono a disposizione.

Carovita: i vantaggi di andare in ufficio

Il ritorno all’ufficio, e la velocità con cui sta avvenendo questa inversione di tendenza, sono dovuti anche dal carovita, e dall’aumento di costi che investe la popolazione in modo trasversale

Proprio per contenere le spese di casa, molte persone preferiscono andare in ufficio, dove trascorrono buona parte delle loro giornate, avendo così la possibilità di risparmiare sulle bollette di gas ed energia elettrica.

Le startup, dal canto loro, frenano sui contratti a tempo indeterminato, e preferiscono navigare a vista, assumendo persone a tempo determinato, per affrontare un contesto generale in continua fluttuazione

Lo scenario politico ed economico è in costante mutazione, e le aziende giovani non si sentono di rischiare, facendosi carico di costi e spese che potrebbero rivelarsi azzardati da un giorno all’altro.  

Non tutti vogliono abbandonare lo smart working

Sul tema del lavoro da remoto la platea si divide a metà: da una parte chi sente il bisogno di tornare in ufficio e a una modalità più tradizionale di lavorare, dall’altra chi, di fare un passo indietro, non ne vuole proprio sapere.

Tra le startup prese in esame da Flexa Careers, ce ne sono molte che hanno obbligato dipendenti e collaboratori a presentarsi in ufficio almeno due volte alla settimana, e il provvedimento non è stato preso affatto bene dalle persone. 

Un periodo di transizione

Dopo la pandemia e l’emergenza sanitaria che ha travolto tutto il mondo, in Europa le aziende e le persone si stanno riadattando al cosiddetto new normal, cercando un equilibrio tra il prima e il dopo. In sostanza, l’inversione di tendenza in atto era abbastanza prevedibile, così come appare ovvio che le prime a fare un passo indietro siano le startup.

Le aziende giovani, in attesa di affermare il proprio business in un contesto imprenditoriale dinamico e sempre più competitivo, necessitano di maggior sicurezza nella gestione dell’organico, e di un controllo dei costi molto più accurato.

Leggi anche:

‘Lavoro ibrido: come, dove, quando’

Differenza tra smart working e telelavoro

Smart working: nei Paesi Bassi il lavoro da casa diventa legge

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli