Assegno unico universale, vanno avvisati i dipendenti?

(foto Shutterstock)

Da gennaio 2022 è possibile chiedere l’assegno unico universale, e i dipendenti vanno avvisati. Ecco spiegato cosa deve fare il datore di lavoro

Cosa deve fare il datore di lavoro?

L’INPS e l’Agenzia delle entrate, in data 1° gennaio 2022, hanno pubblicato un’informativa rivolta ai datori di lavoro attraverso la quale si raccomandano di dare pronta ed efficace informativa del cambio di regime, da ANF/Assegno temporaneo ad Assegno unico universale (AUU), a tutti i dipendenti, spiegando, in particolare:

  • che al fine di poter percepire l’assegno unico universale (AUU) già dal mese di marzo – senza alcuna soluzione di continuità rispetto al precedente ANF – è necessario che gli aventi diritto si attivino per presentare le domande dal mese di gennaio;
  • che è possibile fare richiesta dellISEE aggiornato, da allegare alla domanda per ottenere un assegno pieno, commisurato alla situazione economica del nucleo familiare, dal 1° gennaio 2022.

Assegno unico universale 2022, quando entra in vigore?

Dal 1° marzo 2022 entra in vigore l’AUU universale per figli a carico, attribuito ai nuclei familiari su base mensile, per il periodo compreso tra marzo di ciascun anno e febbraio dell’anno successivo, a seconda della condizione economica del nucleo, come identificata dall’ISEE.

Chi ha diritto all’assegno unico universale?

Possono richiederlo tutti i lavoratori, sia subordinati, sia autonomi genitori di figli minori di 18 anni. L’AUU spetta, inoltre, ai genitori di figli maggiorenni fino a 21 anni, se iscritti a un corso di laurea, se fanno il servizio civile o frequentano un corso di formazione e, indipendentemente dall’età, ai genitori di figli disabili a carico.

Assegno unico universale, come richiederlo

La domanda per il riconoscimento dell’AUU può essere presentata a decorrere dal 1° gennaio 2022. A riguardo, l’INPS ha reso noto il rilascio dell’apposita procedura informatica e fornito le prime indicazioni, la domanda dovrà fare richiesta tramite: 

  • portale web dell’INPS;
  • Contact Center;
  • istituti di Patronato.

 

Leggi anche:

Detrazioni figli a carico in busta paga, spettano ancora dopo l’Assegno unico?

Assegno temporaneo figli minori, come richiedere gli arretrati

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.