Calcolo rendita Inail infortunio sul lavoro, come funziona

(foto Shutterstock)

A quanto ammonta, come si calcola, e come viene risarcito dall’INAIL il danno per infortunio sul lavoro

Come viene risarcito il danno dall’INAIL?

L’INAIL riconosce il danno biologico, da risarcire sulla base di particolari tabelle che non fanno riferimento alla retribuzione del soggetto, ma solo al grado di invalidità; a partire dal 26 luglio 2000 i l’INAIL riconosce: 

  • un indennizzo in capitale quando è accertato un grado di menomazione dell’integrità psicofisica compreso tra il 6% ed il 15%;
  • un indennizzo in rendita quando è accertato un grado di menomazione dell’integrità psicofisica compreso tra il 16% ed il 100%.

Oltre al danno biologico, l’INAIL riconosce anche il danno patrimoniale nei limiti di un minimale e di un massimale.

Cos’è un infortunio sul lavoro

 Rendita INAIL, cos’è?

È un risarcimento per i danni derivanti da infortunio o malattie professionali che eroga l’INAIL; i danni che provocano una menomazione all’integrità psicofisica sotto il 6% non vengono indennizzati e quindi non spetta nulla (anche detta franchigia), mentre quelli sopra il 6% vengono risarciti.

A quanto ammonta la rendita INAIL per gli infortuni post 25 luglio 2020? 

L’indennizzo della rendita viene stabilito secondo la logica di indennizzo del danno biologico in base alla percentuale di menomazione accertata secondo le tabelle dei coefficienti di capitalizzazione:

  • se l’invalidità si attesta tra il 6 e il 15% l’indennità ammonterà a ad una somma pari ad un capitale che va da un minimo di 3.863 euro ad un massimo 17.916 euro in base all’età e al grado di menomazione permanente;
  • se l’invalidità si attesta tra il 16 ed il 100% si avrà diritto ad una rendita mensile che va da un minimo di 2.000 ad un massimo di 28.500 euro. 

Come si calcola il danno patrimoniale? 

L’importo del danno patrimoniale a viene calcolato in base:

  • alla retribuzione percepita nell’anno precedente la data di infortunio o di manifestazione della malattia: per specifiche categorie il calcolo viene effettuato sulla base di retribuzioni convenzionali stabilite con decreto ministeriale;
  • ad un coefficiente di trasformazione prestabilito;
  • e al grado di inabilità riconosciuto;

Queste voci vengono poi moltiplicate tra di esse, per cui:

Rendita danno patrimoniale = Retribuzione x Coefficiente x Grado di invalidità

 

Leggi anche:

Rendita Inail infortunio sul lavoro: come funziona

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.