Cosa sono i permessi ex festività?

Cosa sono le ex festività in busta paga

(foto Shutterstock)

Dove si trovano le ex festività in busta paga, quante ne spettano e come possono essere utilizzate

Cosa sono le ex festività in busta paga?

Le ex festività, o festività soppresse, sono giorni che una volta venivano considerati festivi perché connessi a ricorrenze religiose, e oggi non lo sono più in quanto sono state abolite come festività.

Le festività «abolite» sono state trasformate in permessi retribuiti (ex festività). Queste ore di permesso consentono al lavoratore di assentarsi per motivi personali senza perdere la retribuzione.

Banner Banner

Quante ore di permesso «ex festività» spettano all’anno? 

La contrattazione collettiva ha generalmente compensato l’abolizione dei quattro giorni di festività religiose con permessi individuali retribuiti per la medesima durata, e cioè per 4 giorni (32 ore) all’anno.

Le vecchie festività religiose cadevano: 

  • il 19 marzo (San Giuseppe);
  • il 26 maggio (Ascensione);
  • il 16 giugno (Corpus Domini);
  • il 19 giugno (San Pietro e Paolo).

Ogni mese i lavoratori, salvo diverse previsioni contrattuali, maturano 1/12 dell’ammontare annuo di ex festività (32 ore). Le festività soppresse normalmente maturano in proporzione al periodo di lavoro effettuato nell’anno; talvolta, però, possono essere riproporzionate anche in caso di assenza non retribuita o altre assenze (es. maternità, cassa integrazione guadagni).

Facciamo un esempio: un lavoratore assunto il 1° febbraio troverà nella busta paga di aprile 7,99/8 ore di permesso a titolo di ex festività.

Per capire quante ore spettano di festività soppresse bisogna fare il seguente calcolo:

  • 32 ore annue / 12 mesi = 2,66 ore mensili di permessi ex festività;
  • ore mensili x numeri di mesi lavorati (secondo le indicazioni del CCNL): 3 mesi di lavoro x 2,66 ore= 7,99/8 ore.

 Dove si trovano in busta paga e quando posso essere utilizzate le ex festività?

Le ore di permesso ex festività si trovano, generalmente, nella parte bassa del cedolino; in questa sezione si vede la maturazione delle ore, quante ore sono state godute e quante ne rimangono (alla voce «saldo»).

Spesso le ore maturate e residue dell’anno precedente vengono riportate nell’anno successivo. I permessi ex festività sono delle ore che il lavoratore dipendente può utilizzare per necessità personali, previo preavviso al datore di lavoro.

Cosa succede se cessa il rapporto di lavoro e non ho utilizzato i permessi ex festività?

In caso di cessazione del rapporto di lavoro (dimissioni, licenziamento o fine rapporto) le festività soppresse non utilizzate vengono pagate nella busta paga secondo la retribuzione oraria percepita.

 

Leggi anche:

Come leggere la busta paga: ferie e permessi

I permessi per il lavoratore dipendente – Parte 2

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli