È possibile sospendere il congedo di maternità?

È possibile sospendere il congedo di maternità?

(foto Shutterstock)

Quali sono le ipotesi particolari in cui la lavoratrice madre può chiedere di sospendere il proprio congedo

Il congedo di maternità è un periodo riconosciuto dalla legge a tutela della salute e dell’integrità della lavoratrice madre e del figlio. In questo periodo, la dipendente non può lavorare, ma ci sono dei casi in cui è possibile fare richiesta di sospensione del congedo. 

Come può essere fruito il congedo di maternità?

La lavoratrice ha diritto a 5 mesi di astensione obbligatoria dal lavoro. Questo arco temporale può essere fruito in due modi:

  1. ordinario: in questo caso la lavoratrice si astiene dal lavoro due mesi prima la data presunta del parto e 3 mesi dopo la data effettiva del parto
  2. flessibile: in questo caso può astenersi 1 mese prima la data presunta del parto e 4 mesi dopo il parto effettivo oppure godere tutti i 5 mesi dopo il parto. In quest’ultimo caso però deve esserci un’autorizzazione preventiva da parte del medico di base e del medico competente in azienda ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Cosa succede se la lavoratrice partorisce prima o dopo la data presunta del parto? 

A seconda che il parto sia prematuro oppure posticipato rispetto alla data presunta riportata nel certificato medico, la legge prevede diversi scenari.

Nel caso in cui il parto sia fortemente prematuro la lavoratrice avrà diritto comunque ai 5 mesi obbligatori previsti dalla legge, ai quali devono essere sommati tutti i giorni tra la data presunta del parto e la data effettiva del parto.

Nel caso in cui, invece, il parto avvenga dopo la data presunta, e la lavoratrice abbia già goduto dei due mesi ante partum, dalla data effettiva del parto decorrono i 3 mesi di congedo obbligatorio rimanente.

Se, ad esempio, la lavoratrice avesse dovuto partorire il 20 settembre ma in realtà poi partorisce il 10 ottobre, a quest’ultima data devono essere aggiunti i 3 mesi portando la conclusione del congedo al 10 gennaio. 

La lavoratrice madre può sospendere il congedo di maternità?

, tale opportunità è riconosciuta tutte le volte in cui dopo il parto il neonato viene ricoverato in una struttura ospedaliera pubblica o privata.

La sospensione del congedo porta a un allungamento del periodo di tutela della lavoratrice madre, in quanto tutti i giorni non goduti a causa della sospensione potranno essere fruiti dalla stessa dopo la dimissione del figlio dalla struttura ospedaliera.

Si tratta di una facoltà: solo la lavoratrice può decidere se richiedere o meno di sospendere il congedo.

Quante volte può essere sospeso il congedo?

La lavoratrice può procedere alla sospensione del congedo obbligatorio una sola volta per ogni figlio.

È importante inoltre specificare che la madre può essere ammessa alla sospensione solo se consegna al proprio datore di lavoro tutta la documentazione sanitaria necessaria a dimostrare il ricovero del figlio.

Attenzione: le lavoratrici che hanno deciso di godere del congedo esclusivamente nei 5 mesi successivi al parto, non possono procedere alla domanda di sospensione del congedo stesso.

 

 

Leggia anche:

Maternità obbligatoria INPS, quanti mesi e come funziona?

Fondo Est, i servizi per la maternità nel 2022

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli