Le novità fiscali relativamente al reddito da lavoro

(foto Shutterstock)

 Più soldi in busta paga grazie al taglio del cuneo fiscale e alla riforma degli scaglioni

 La legge di bilancio 2022 ha introdotto importanti novità per i redditi dei lavoratori: diminuiscono le tasse sui redditi di alcuni lavoratori e, per alcuni, viene ampliata la cosiddetta «no tax area», ossia la soglia di reddito entro cui non si pagano le tasse. 

Taglio cuneo fiscale

Si sente spesso parlare di «cuneo fiscale», cos’è? È la differenza tra quanto percepisce effettivamente il lavoratore sul conto corrente e i costi che, invece, deve sostenere l’azienda, in particolare a titolo di tassazione.

Banner Banner

Ridurre il cuneo fiscale significa garantire al lavoratore un importo netto più alto, e dunque una maggior disponibilità monetaria, a costi invariati per l’azienda.

Scaglioni Irpef nuova riforma

La legge di bilancio 2022 si muove in questa direzione: abbassare le tasse per alcune fasce di reddito per garantire uno stipendio più alto.

Il risultato è stato garantito tramite la riforma degli scaglioni Irpef. L’imposta sul reddito delle persone fisiche (ossia, le tasse che pagano tutti i lavoratori) si paga in percentuale sul reddito da lavoro e questa percentuale cambia in base allo scaglione di riferimento.

Vediamo con questa tabella che cosa è cambiato:
img. 2: "scaglioni aliquote IRPEF 2021 e 2022"

Chi guadagna dalla riforma?

Chi ci guadagna e chi ci perde dalla riforma dell’Irpef? La risposta è data dagli esempi di questa tabella, che confronta il precedente sistema con i nuovi scaglioni previsti dalla legge di bilancio 2022
img. 3: "Tabella esempio confronto IRPEF 2021-2022"

Spetta ancora il bonus Renzi? 

Il c.d. bonus Renzi si chiama ora «contributo integrativo». Dal 2020 non è più di 80 euro, ma può arrivare fino a 100 euro. La Legge di Bilancio ha confermato questa misura di sostegno, ampliando lo scaglione dei beneficiari: ora possono riceverlo i lavoratori con redditi fino a 15.000 euro e, a determinate condizioni, i lavoratori con redditi fino a 28.000 euro.

 

Leggi anche:

Busta paga: le domande più frequenti

Detrazioni figli a carico: spettano ancora dopo l’assegno unico?

Buoni pasto in smart working senza asse e contributi 

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli