Sostegno alla famiglia, le misure per il 2021

Sostegno alla famiglia, le misure per il 2021

(foto Shutterstock)

Bonus bebè, Premio alla nascita, Bonus asilo nido, ANF e Assegno unico universale per le famiglie: alcune iniziative di sostegno economico per le famiglie, previste per legge

Da qualche anno le riforme volte a promuovere il ricambio generazionale della popolazione hanno inserito alcune misure a sostegno del reddito delle madri e delle famiglie. Parliamo di bonus bebè, premio alla nascita (bonus mamma domani), bonus asilo nido, assegno al nucleo familiare e assegno unico universale per le famiglie.
Vediamoli uno per uno.

Prima di proseguire vi segnaliamo che questo articolo fa parte della campagna “WI LOVE EQUALITY – promossa dallo studio legale WI LEGAL e SHR Italia, in collaborazione con laborability – che sostiene la gender equality promuovendo un atteggiamento etico ed equo nel mondo del lavoro. Attraverso l’informazione, con articoli, video interviste e appuntamenti, ci impegniamo a sostenere cause giuste e inclusive per guardare a un futuro migliore.

WI LOVE EQUALITY

Bonus bebè

Il bonus bebè è un assegno mensile volto a supportare la natalità ed è erogato dall’INPS a chi ne faccia richiesta avendone i requisiti. Nel 2021 è stato prorogato dalla legge di Bilancio.

A chi spetta e per quanto? 

Il bonus bebè spetta ai cittadini italiani, comunitari o extracomunitari, in possesso di idoneo titolo di soggiorno, residenti in Italia e conviventi con i figli minori nati, adottati o affidati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.
L’assegno viene erogato mensilmente per 1 anno.

A quanto ammonta?

L’INPS riconosce un assegno mensile (che non concorre alla formazione del reddito di chi lo percepisce) di ammontare variabile a seconda del valore ISEE del nucleo familiare:

  • ISEE entro i 7.000 euro, pari a 1.920 euro annui;
  • ISEE tra i 7.000 e 40.000 euro, pari a 1.440 euro annui;
  • ISEE superiore a 40.000 euro, pari a 960 euro annui;

In caso di figlio successivo al primo, nato o adottato tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021, l’importo dell’assegno è aumentato del 20%.

Come richiederlo?

L’assegno si richiede all’INPS entro 90 giorni dalla nascita o data di ingresso del minore nel nucleo familiare. In caso di affido i termini decorrono dal mese di emanazione del provvedimento del giudice o dei servizi sociali reso esecutivo dal giudice tutelare. 

La domanda può essere presentata all’INPS tramite il servizio online dedicato, o tramite il Contact center al numero 803164 o al 06164, o affidandosi ad un patronato o a un intermediario

Premio alla nascita (Mamma domani)

Il premio alla nascita (Mamma domani) è un premio erogato, una volta soltanto, alle future madri prossime al parto, con lo scopo di sostenerne il reddito. Tale misura era già stata prevista per gli anni scorsi ed è stata confermata per il 2021 dalla legge di Bilancio. 

A quanto ammonta e per quanto tempo viene erogato? 

La somma, una tantum, ammonta a 800 euro e non ha un limite di durata, viene infatti accreditato alla madre dopo la sua richiesta. Il premio non concorre alla formazione del reddito della madre e può essere cumulato con il bonus bebè.
In caso di parto gemellare spettano 2 premi essendo la stessa legata alla nascita.

A chi spetta e come si richiede?

Il premio alla nascita spetta alle mamme dal 7° mese di gravidanza e comunque entro un anno dalla nascita, adozione o affidamento del minore.
Può essere richiesto direttamente dal sito dell’INPS, tramite Contact Center al numero 803164 o al 06164, o affidandosi ad un patronato. Alla domanda dovranno essere allegati i certificati di gravidanza o di parto.

Bonus asilo nido

La legge di Bilancio 2021 ha prorogato anche il Bonus asilo nido, volto a supportare le famiglie che mandano i propri figli presso queste strutture.
L’assegno è mensile e viene erogato in base ai mesi di effettiva iscrizione.

A chi spetta e per quanto?

Il bonus asilo nido spetta alle famiglie in base all’ISEE, per la durata dell’iscrizione al figlio (da 0 a 3 anni) o per l’assistenza domiciliare dei bambini che, per questioni di salute, non possono andare al nido. 

A quanto ammonta?

L’ammontare del bonus asilo nido varia a seconda del valore dell’ISEE del nucleo familiare:

  • con ISEE inferiore ai 20.000 euro, l’assegno è pari a 3.000 euro annui;
  • con ISEE tra i 25.000 e i 40.000 euro, pari a 2.500 euro annui;
  • con ISEE superiore ai 40.000 euro, pari a 1.500 euro annui.

In caso di frequentazione di asili nido da parte di più figli andranno formulate all’INPS più domande. 

Come richiederlo?

Il bonus asilo nido deve essere richiesto personalmente dal sito dell’INPS, tramite Contact Center al numero 803164 o allo 06164, oppure affidandosi a un patronato.
Alla domanda dovranno essere allegate le fatture saldate dell’asilo nido o le ricevute di pagamento delle rette oppure dei bollettini postali. Nel caso di nidi aziendali andrà allegata invece un’attestazione del datore di lavoro (o dell’asilo nido) dell’avvenuto pagamento della retta, oppure il cedolino da cui si evinca la trattenuta in busta paga.

Assegno per il nucleo familiare (ANF)

L’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) è una prestazione economica a carico dell’INPS a sostegno del reddito delle famiglie dei lavoratori dipendenti o dei pensionati da lavoro dipendente. Viene calcolato in relazione alla dimensione del nucleo familiare, alla sua composizione, e al reddito complessivo prodotto al suo interno. Esistono comunque dei casi particolari e la possibilità di chiedere gli arretrati in cui sono necessarie certe prescrizioni.

Assegno unico universale per le famiglie

La legge di Bilancio 2021 ha previsto anche delle misure di sostegno per famiglie di ragazzi fino a 21 anni. Le misure dovrebbero entrare in vigore a partire dal 1° luglio 2021.

Leggi anche:
ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE: COS’È, A CHI SPETTA E COME FUNZIONA
LEGGE DI BILANCIO 2021: LE NOVITÀ PER IL LAVORO

 

 

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli