SICURI, INSIEME, SI DEVE: più impegno in sicurezza sul lavoro

img 1: “Due ingegneri meccanici visualizzazione un disegno tecnico sul laptop”

(foto Shutterstock)

La campagna di sensibilizzazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per promuove le nuove misure per la sicurezza dei lavoratori

Come parte integrante della strategia di contrasto agli incidenti sul lavoro, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha lanciato da giugno una campagna di sensibilizzazione, che viene trasmessa sulle reti Rai, in radio e nelle altre reti televisive.

Questo appello, che richiama al senso di responsabilità di ognuno per contrastare un fenomeno che nel 2021 ha segnato una crescita, arriva a pochi mesi dall’approvazione di nuove norme per la sicurezza inserite nel PNRR.

Obiettivo della campagna di sensibilizzazione

Di fronte a un fenomeno che non accenna a diminuire, il senso della campagna è lanciare un appello collettivo al fine di accrescere e incoraggiare un senso diffuso di responsabilità.

L’iniziativa di comunicazione del Ministero persegue vari obiettivi:

  • evidenziare il rinnovato impegno delle istituzioni per fronteggiare l’emergenza;
  • segnalare le misure introdotte per arginare l’emergenza: rafforzamento del sistema di vigilanza e delle sanzioni, interventi di formazione per lavoratori e imprese;
  • evidenziare che per superare la drammatica situazione attuale è necessario l’impegno congiunto di tutti;
  • evidenziare l’importanza della prevenzione e accrescere il senso di responsabilità di ognuno.

Siamo tutti coinvolti

Rivolto principalmente ai lavoratori e ai datori di lavoro, lo spot sulla sicurezza coinvolge fortemente anche opinione pubblica, parti sociali e stakeholders. Lo slogan stesso dell’iniziativa – Sicuri, insieme, si deve – mette l’accento proprio sul fatto che la sicurezza sul lavoro è un obiettivo comune, che riguarda l’intera società italiana e che va raggiunto con l’impegno di tutti.

Diciamo insieme basta agli incidenti sul lavoro“, è il coinvolgente appello dello spot, nella consapevolezza che le regole da sole non bastano e che il contributo di ognuno è indispensabile per accrescere e incoraggiare un diffuso senso di responsabilità. 

Oltre a rappresentare un’occasione per riflettere e “dire basta” alle morti bianche, la campagna ricorda anche l’impegno istituzionale che ha portato il Governo a varare nuove norme sulla sicurezza. In particolare prevedendo più attività di formazione, maggiori controlli e sanzioni.

img 2: “campagna di sensibilizzazione ministeriale Sicuri, insieme, si deve”
un’immagine della campagna di sensibilizzazione ministeriale “Sicuri, insieme, si deve”

 Nuove misure per la sicurezza sul lavoro nel PNRR

Ad aprile 2022 il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto con misure urgenti di attuazione del PNRR. Tra queste spicca la norma proposta dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, per assicurare un’efficace azione di contrasto al fenomeno infortunistico e di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro, nella fase di realizzazione del piano nazionale di ripresa e resilienza.

Il decreto prevede che l’Inail promuova appositi protocolli d’intesa con aziende e grandi gruppi industriali impegnati nella esecuzione dei singoli interventi previsti dal PNRR, per attivare:

  • programmi straordinari di formazione in materia di salute e sicurezza, per qualificare ulteriormente le competenze dei lavoratori nei settori caratterizzati da maggiore crescita occupazionale in ragione degli investimenti programmati
  • progetti di ricerca e sperimentazione di soluzioni tecnologiche in materia, tra l’altro, di robotica, esoscheletri, sensoristica per il monitoraggio degli ambienti di lavoro, materiali innovativi per l’abbigliamento lavorativo, dispositivi di visione immersiva e realtà aumentata, per il miglioramento degli standard di salute e sicurezza sul lavoro
  • sviluppo di strumenti e modelli organizzativi avanzati di analisi e gestione dei rischi per la salute e sicurezza negli ambienti di lavoro, inclusi quelli da interferenze generate dalla compresenza di lavorazioni multiple
  • iniziative congiunte di comunicazione e promozione della cultura della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, in logica di coerenza con quanto espresso nella Strategia europea 2021-2027

Organico INL potenziato e raddoppio delle ispezioni

Una delle strategie adottate per diminuire gli eventi infortunistici sul luogo di lavoro è potenziare l’organico dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro del 65%.

“Dal 1° aprile scorso sono stati assunti 177 funzionari amministrativi. Da settembre prenderanno servizio 691 nuovi ispettori del lavoro e 301 funzionari amministrativi. Inoltre in seguito verranno assunte ulteriori 900 risorse”, ha precisato Orlando, intervenendo il 25 luglio alla presentazione annuale dell’Inail a Montecitorio.

“Il Rapporto 2021 registra una crescita degli infortuni, con una individuazione delle cause che non ci consentono più di parlare di morti bianche, tantomeno di fatalità. Sappiamo quali sono le cause e abbiamo il dovere di combatterle”, ha osservato Orlando, “Spero che il prossimo esecutivo prosegua il lavoro fatto finora: oltre al potenziamento dell’INL abbiamo infatti raddoppiato e anche triplicato, in alcuni settori, le ispezioni, oltre ad aver introdotto strumenti nuovi per verificare l’effettiva congruità della manodopera utilizzata”.

 

 

Leggi anche:

Sicurezza sul lavoro e sospensione attività imprenditoriale

Riders: è infortunio lavoro l’aggressione subita per difendere una passante

Migliorare la sicurezza in azienda: bando INAIL I Laborability

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli