Compatibile Cassa integrazione e Tredicesima? E la NASpI?

(foto Shutterstock)

In cassa integrazione può spettare la tredicesima, ma in misura ridotta, mentre se si percepisce la Naspi, no

Spetta la tredicesima in cassa integrazione?

Dipende. A differenza della normale tredicesima, quando si è in cassa integrazione, l’importo varierà a seconda che nel corso dell’anno si sia stati sempre o in parte in cassa integrazione parziale o a zero ore. L’importo della tredicesima varia, infatti, in base alle ore lavorate e alle assenze effettuate nell’anno.

Cerchiamo di capire: 

  • se si è stati in cassa integrazione ad orario ridotto: si maturerà la 13esima in base alle ore lavorate, mentre per le ore in cui si è stati in cassa con integrazione Inps la tredicesima non matura. Se quindi si è sempre stati in cassa integrazione ad orario ridotto, la 13esima risulterà più bassa rispetto a quella ordinaria;
  • se si è stati in cassa integrazione a zero ore: per i mesi di cassa integrazione a zero ore il lavoratore percepisce l’integrazione salariale dall’INPS e, pertanto, per i mesi di cassa integrazione non matura il rateo di tredicesima. Se si è sempre stati in cassa integrazione a zero ore per tutto l’anno, la tredicesima non spetta;
  • se la cassa integrazione è intercorsa solo per un arco limitato di tempo nell’anno: per i mesi di ordinario lavoro la 13esima matura in misura piena, mentre per i mesi in cui si è stati in cassa integrazione ad orario ridotto o a zero ore, la 13esima maturerà, rispettivamente, in misura ridotta o non maturerà affatto.

Con la disoccupazione si ha diritto alla tredicesima?

No. La Naspi spetta per la durata massima complessiva di 24 mesi e non è prevista alcuna ulteriore mensilità nel mese di dicembre.

Quando arriva la tredicesima? 

L’erogazione della 13esima avviene secondo le modalità prescritte dal contratto collettivo applicato in azienda, e normalmente la 13esima mensilità viene corrisposta interamente a dicembre, e quindi con la paga di dicembre.

Qualora si preferisse ricevere ogni mese il rateo delle mensilità aggiuntiva maturato, si dovrebbe fare richiesta al proprio datore di lavoro per riceverla mensilmente anziché una volta all’anno. Non c’è infatti nessuna norma che lo vieta: comunque, non è un diritto, ma sempre frutto di un accordo con il datore di lavoro.

Come si calcola la tredicesima?

Per conoscere l’importo della tredicesima mensilità bisogna dividere la retribuzione lorda mensile per 12 (mesi dell’anno), così facendo si ottiene il rateo di 13esima mensilità da moltiplicare per il numero di mesi lavorati nell’anno: in questo modo si ottiene l’ammontare dello stipendio extra spettante a titolo di 13esima

 

Leggi anche:

A quanto ammonta la tredicesima, quando si paga, e calcolo

Tredicesima e quattordicesima mensilità, è possibile averle mensilmente in busta paga?

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.