Mestiere influencer: dipendente o libero professionista?

Posso lavorare come influencer?

(foto Shutterstock)

I social aprono nuove opportunità lavorative: si può fare l’influencer non solo aprendo la partita Iva ma anche all’interno di un’azienda

Chi è l’influencer?

Il termine deriva dall’inglese “To influence”, ossia “influenzare”. La traduzione è semplice: è colui che influenza comportamenti e scelte di potenziali consumatori avvalendosi principalmente di piattaforme online e social network. Non c’è settore o argomento estraneo al mondo di questa nuova figura professionale.

E oggi questa figura professionale si sta facendo spazio anche nei contesti aziendali. Le offerte di lavoro per la posizione di influencer all’interno delle aziende, infatti, sono in costante aumento perché le imprese vogliono rendersi più attrattive nell’ambito delle strategie di marketing e comunicazione.

Banner Banner

Come libero professionista

Nella maggior parte dei casi l’influencer è un libero professionista il cui contratto è disciplinato dall’art. 2222 del Codice civile. Per poter lavorare come soggetto libero e senza vincoli da parte di un datore di lavoro dovrà aprire la partita Iva secondo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate.

Gli influencer possono rientrare nei c.d. liberi professionisti “senza cassa”, nonostante ad oggi non esista ancora una partita Iva ad hoc. Devono quindi iscriversi alla Gestione separata INPS e versare i contributi in base al reddito prodotto. Per l’iscrizione è sufficiente compilare il modulo telematico presente sul sito dell’INPS accedendo con SPID o CIE.

Come lavoratore dipendente

L’influencer può essere assunto all’interno di un’azienda come lavoratore subordinato. Spesso, infatti, le aziende ricercano queste figure per la realizzazione di contenuti digitali con cui sponsorizzare prodotti e/o servizi specifici di un’azienda committente. Il ruolo assunto dagli influencer è quindi centrale in quanto fungono da ponte tra l’azienda e i potenziali clienti.

In questo scenario, a seconda della mansione e dell’attività lavorativa, potrebbe essere firmato un contratto di collaborazione coordinata e continuativa oppure un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato. In quest’ultimo caso dovranno applicarsi tutte le disposizioni normative previste per il lavoro subordinato tra le quali, ad esempio, il rispetto dell’orario di lavoro, il limite al lavoro straordinario nonché il diritto ai riposi e alle ferie.

Come fa a guadagnare un influencer?

Molto dipende dai numeri della propria community. Maggiore è il numero dei followers, maggiore è la popolarità e la visibilità dell’influencer. Per questo si è soliti distinguere tra:

  • micro-influencer: hanno un pubblico compreso tra le 2.000 e le 20 mila persone. Nonostante siano più piccoli sul mercato, sono quelli maggiormente ricercati dalle aziende 
  • macro-influencer: hanno un pubblico vasto compreso tra le 500 mila e i 2 milioni di persone 
  • celebrities: riescono a essere un punto di riferimento per oltre 5 milioni di persone.

Il guadagno è poi influenzato anche dall’algoritmo della piattaforma utilizzata, che tendenzialmente promuove i profili più attivi. Anche in questo caso, maggiore è la connessione tra l’influencer e i propri follower, maggiore sarà la visibilità dello stesso.

Maggiore è la visibilità, maggiori saranno le interazioni nel profilo del professionista e questo potrebbe garantire un maggior profitto.  

 

 

Leggi anche:

Il mondo che cambia: lavori del futuro, nuovi trend e sfide

Gli influencer italiani hanno a cuore la diversity: 110 mila post nel 2020

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli