Utilizzo permessi 104 per fare la spesa I laborability

Posso utilizzare i permessi 104 per andare a fare la spesa?

posso usare i permessi 104 per fare la spesa

(foto Shutterstock)

In una recente sentenza la Corte di Cassazione ha affermato che i permessi legge 104 devono essere fruiti per prestare assistenza al familiare o in attività “in relazione casuale diretta con lo scopo di assistenza”

Cosa sono i permessi legge 104?

Sono dei permessi speciali previsti dalla legge 104 del 1992: 3 giorni al mese che spettano ai lavoratori, cosiddetti caregiver, che devono fare assistenza ad un familiare con handicap grave accertato. Il familiare ha poi diritto di usufruire di un congedo straordinario della durata massima di due anni per ciascun portatore di handicap e nell’arco della vita lavorativa (art. 42 d. lgs. 151/2001).

Come posso usufruire dei permessi 104?

I permessi devono essere utilizzati per prestare assistenza al familiare non autosufficiente. L’art. 33  della legge 104 del 1992 parla genericamente di “assistenza alla persona”, senza alcuna ulteriore precisazione.

Ciò significa che il lavoratore si può assentare dal lavoro per prestare assistenza domiciliare al proprio parente, accudirlo o accompagnarlo a visite mediche. Si tratta di attività che rientrano pacificamente nel concetto di “assistenza”, in cui il lavoratore è personalmente al fianco del parente disabile.

Che attività si possono fare?

I permessi possono essere utilizzati anche per attività diversa dalla assistenza personale al proprio familiare. È tuttavia opportuno chiarire ciò che è possibile fare, da ciò che invece rappresenta un abuso dei permessi 104.

Innanzitutto, l’intero arco temporale del permesso deve essere utilizzato a favore del familiare ed è vietato un uso solo temporaneo o parziale. In altri termini, non è possibile dedicarsi ad altre attività private o personali durante l’utilizzo dei permessi 104: secondo la giurisprudenza, anche un solo episodio, e anche solo per poco tempo, può legittimare un provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore.

Ciò precisato, alcuni giudici consentono che l’assistenza possa essere prestata «con modalità e forme diverse e anche attraverso lo svolgimento di incombenze amministrative, pratiche o di qualsiasi genere, purché nell’immediato interesse del familiare assistito» (Corte d’Appello di Roma, sentenza 10 novembre 2020, n. 2426). Ma vi sono anche sentenze che adottano un’interpretazione molto restrittiva del concetto di “assistenza”: ad esempio, secondo il Tribunale di Venezia, l’acquisto di vestiario o calzature o la semplice prenotazione di una visita mediche «di per sé sole non potrebbero comunque consentire la speciale tutela dei permessi» (sentenza 25 febbraio 2019, n. 139).

Si può andare a fare la spesa?

Anche in questo caso bisogna fare molta attenzione. Se la spesa al supermercato serve per acquistare beni per il proprio familiare disabile, che magari è impossibilitato a muoversi da casa, questa attività può rientrare nel concetto di assistenza. In un caso molto recente, la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17102 del 16 giugno 2021, ha confermato il licenziamento del lavoratore che, durante due giorni di permesso 104, ha fatto la spesa al supermercato e poi è andato al mare, senza mai fare rientro presso l’abitazione del familiare. Secondo la Cassazione, l’utilizzo dei permessi 104 deve porsi in relazione causale diretta con lo scopo di assistenza al disabile”. La conseguenza? Un simile comportamento integra una grave violazione dei doveri del lavoratore, rileva dal punto di vista disciplinare e può portare al licenziamento.

 

Leggi anche:

Assistenza ai disabili: i permessi 104
Permessi legge 104/92 e malattia

 

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli