L’assistenza sanitaria integrativa I laborability

Assistenza sanitaria integrativa, cos’è e come funziona

Assistenza sanitaria integrativa

(foto Shutterstock)

L’assistenza sanitaria integrativa può essere prevista da contratto collettivo o aziendale e offre ai dipendenti la possibilità di ottenere il rimborso di alcune prestazioni sanitarie

Che cos’è l’assistenza sanitaria integrativa? 

L’assistenza sanitaria integrativa è una forma di tutela della salute che si aggiunge, o sostituisce, a quella prevista dal servizio sanitario nazionale (SSN) consentendo a chi ne usufruisce di ottenere prestazioni medico sanitarie attraverso dei Fondi ad hoc. 

Possono costituire Fondi di assistenza sanitaria integrativa:

  • i contratti e accordi collettivi, anche aziendali;
  • gli accordi tra lavoratori autonomi o fra liberi professionisti, promossi dai loro sindacati o da associazioni di rilievo almeno provinciale;
  • i regolamenti di regioni, enti territoriali ed enti locali;
  • le deliberazioni assunte da organizzazioni non lucrative;
  • le deliberazioni assunte da società di mutuo soccorso riconosciute.

Quali servizi offre l’assistenza sanitaria integrativa? 

I Fondi che garantiscono l’assistenza sanitaria integrativa normalmente offrono:

  • prestazioni aggiuntive erogate da professionisti e da strutture accreditate: ad esempio, prestazioni di medicina non convenzionale, cure termali, assistenza odontoiatrica;
  • prestazioni sociosanitarie erogate in strutture accreditate residenziali e semiresidenziali o in forma domiciliare.

Come funziona l’assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dipendenti? 

Quando i contratti collettivi, anche aziendali, prevedono delle forme di assistenza sanitaria integrativa, datore di lavoro e lavoratore provvedono all’accredito contributivo previsto presso il Fondo.

Il Fondo riceve, periodicamente (di regola mensilmente), dal datore di lavoro sia la quota di contributi a carico del datore di lavoro che del lavoratore: normalmente la quota a carico del lavoratore viene trattenuta in busta paga mensilmente. 

All’interno di ogni Fondo possono essere previsti diversi piani di assistenza sanitaria a cui corrisponderà un finanziamento contributivo diverso in base alle prestazioni sanitarie offerte. 

Il lavoratore potrà procedere a farsi rimborsare, parzialmente o totalmente, le prestazioni sanitarie previste dal proprio piano sanitario; ogni Fondo mette a disposizione dei formulari e delle procedure per trasmettere la documentazione necessaria al rimborso.

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli