L’azienda ha obbligo di consegna della busta paga?

L'azienda deve consegnare la busta paga?

(foto Shutterstock)

È importante sia per il lavoratore che per il datore di lavoro che la busta paga venga consegnata. Scopriamo perché

Spesso si considera la consegna della busta paga meno importante rispetto al pagamento dello stipendio.

 C’è però un espressa previsione di legge che obbliga i datori di lavoro alla consegna del prospetto paga nel momento in cui viene pagata la retribuzione.

Banner Banner

È quindi bene dare la giusta importanza alla consegna di questo documento in cui sono elencate le proprie competenze mensili. La busta paga, infatti, può tornare molto utile come prova a proprio favore, ad esempio in caso di vertenza contro il datore di lavoro.

Perché è importante? 

La busta paga si può considerare una sorta di riepilogo del proprio rapporto di lavoro. All’interno, infatti, si possono trovare: 

  • nella parte alta: gli elementi che identificano il lavoratore, nonché gli elementi retributivi che vanno a comporre la propria retribuzione lorda. In questa sezione sono indicati anche gli elementi previsti dal contratto collettivo applicato, ed eventuali riconoscimenti monetari erogati dal proprio datore di lavoro; ma attenzione, si parla qui dei soli elementi riconosciuti ogni mese e in via definitiva;
  • nel c.d. «corpo del cedolino», cioè la parte centrale: tutti gli elementi riguardanti l’effettivo mese di lavoro in oggetto. Sono qui indicati gli straordinari, le eventuali ore di permesso, ferie e malattia effettuate nel mese;
  • nella parte bassa: generalmente i contatori riguardanti le tasse pagate, l’accantonamento del proprio TFR, la situazione delle proprie ferie e dei permessi. In particolare, quindi, è presente un riepilogo di quello che è stato maturato durante il rapporto di lavoro e quello che il dipendente ha già fruito, nonché quanto ha ancora a disposizione.

Perché farsi consegnare la busta paga? 

Oltre ad essere un obbligo di legge, la consegna assume un ruolo essenziale qualora dovessero sorgere delle controversie con il datore di lavoro.

Questo documento, infatti, è l’unico a racchiudere in maniera esaustiva quello che è stato effettivamente riconosciuto al lavoratore.

È inoltre essenziale per controllare la correttezza dell’attribuzione del livello del lavoratore rispetto alle sue effettive mansioni, da cui deriva non solo una differente retribuzione, ma potenzialmente anche delle diverse indennità.

Entro quanto tempo deve essere pagato lo stipendio dal datore

La legge impone al datore di lavoro di consegnare il prospetto paga congiuntamente con il pagamento dello stipendio stesso.

Non è specificata una precisa data in cui il datore è obbligato ad effettuare la consegna. Dal 2008 però è stato istituito l’obbligo della tenuta del Libro Unico del Lavoro, con la previsione di consegna entro la fine del mese successivo a quello di competenza.

Busta paga non consegnata dal datore: cosa fare? 

La mancata o ritardata consegna ai propri lavoratori fa sorgere una violazione di legge. Ciò implica una serie di sanzioni amministrative che possono variare, in base al numero di violazioni avvenute in azienda, da un minimo di 150€ fino a 7.200€.

 Qualora il lavoratore non dovesse ricevere il proprio prospetto paga mensile, o lo dovesse ricevere in ritardo, potrebbe quindi far valere il proprio diritto rivolgendosi all’Ufficio dell’Ispettorato del Lavoro territorialmente competente.

 

 

Leggi anche:

A chi fare richiesta TFR?

Cos’è il conguaglio fiscale in busta paga. Cose da sapere

Cos’è l’EDR in busta paga e a quali lavoratori spetta

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli