Lavoro intermittente: le novità 2022

Le novità per il lavoro intermittente

(foto Shtterstock)

Quali sono i nuovi obblighi del datore di lavoro in materia di trasparenza nei rapporti di lavoro a chiamata

Il nuovo Decreto Trasparenza introduce importanti novità in merito all’informazione e alla chiarezza degli elementi essenziali e costitutivi del rapporto di lavoro.

Questi cambiamenti investono tutte le aziende e tutti i lavoratori, e dunque i contratti di lavoro intermittente non fanno eccezione.  

Banner Banner

A chi si applica il nuovo Decreto Trasparenza?

L’articolo 1 prevede che le disposizioni contenute all’interno del testo di legge si applichino a molteplici tipologie di rapporti di lavoro, primi fra tutti quello subordinato e quello parasubordinato.

Il Decreto segue poi alla lettera c) includendo espressamente anche i rapporti di lavoro a chiamata.

Quali sono invece quelli che non rientrano negli obblighi indicati dal nuovo decreto?

Le esclusioni più rilevanti sono relative ai rapporti di lavoro autonomo puro e ai rapporti di agenzia e rappresentanza commerciale.

Cosa prevede il Decreto per i lavoratori a chiamata?

Dal 13 agosto 2022, data di entrata in vigore, saranno apportate delle modifiche alle disposizioni contenute nel Codice dei contratti per quanto riguarda la forma e il contenuto del contratto a chiamata.

Sarà quindi obbligatorio inserire il contenuto minimo del contratto, dal quale dovranno necessariamente risultare i seguenti elementi:

  • la programmazione del lavoro. Si tratta di un elemento di notevole importanza, soprattutto se il rapporto di lavoro è caratterizzato da un’organizzazione che non è prevedibile del tutto o in parte
  • il luogo e le modalità della disponibilità garantita dal lavoratore
  • le eventuali fasce orarie e i giorni in cui il lavoratore è tenuto a svolgere le prestazioni lavorative
  • il trattamento economico e normativo spettante. Il datore di lavoro dovrà indicare sia l’ammontare della retribuzione per le ore ordinarie, sia quella per le eventuali ore di straordinario. Rilevante è anche l’obbligo di esporre l’importo dell’eventuale indennità di disponibilità e i tempi e modi in cui avviene il pagamento della retribuzione
  • le forme e le modalità con cui il datore di lavoro può richiedere la prestazione lavorativa specificando anche il preavviso di chiamata del lavoratore
  • le misure di sicurezza necessarie rispetto al tipo di attività che il lavoratore dovrà svolgere, come dedotto dal contratto

Cosa succede quando l’organizzazione dell’orario non è prevedibile?

Il testo di legge spiega che per «organizzazione del lavoro» si intende il modo con cui il datore gestisce l’orario di lavoro e la sua ripartizione, alla luce dell’organizzazione aziendale. 

Questa può essere «imprevedibile» quando non è stabilito un orario normale di lavoro programmato, il che è molto frequente per i lavoratori intermittenti. 

In questi casi, sono 3 gli elementi fondamentali che bisogna presentare per iscritto, in formato cartaceo oppure elettronico, al lavoratore:

  1. quanto può essere variabile la programmazione del lavoro
  2. le ore e i giorni in cui il lavoratore è tenuto a svolgere le prestazioni lavorative
  3. il periodo minimo di preavviso con cui il lavoratore può essere chiamato a lavorare nonché il termine entro cui il datore può annullare l’incarico.

Cosa ottiene il lavoratore grazie a queste novità?  

Il lavoratore potrà finalmente conoscere in modo dettagliato tutti gli elementi essenziali inerenti al suo rapporto di lavoro.

In particolar modo, potrà monitorare il trattamento economico e normativo che gli spetta e la struttura dell’orario di lavoro. Sono elementi molto importanti per il rispetto dei diritti fondamentali del lavoratore.

Basti pensare che rimane l’obbligo di comunicazione anche nel momento in cui ci siano modifiche o variazioni al rapporto di lavoro.

 

Leggi anche:

Decreto Trasparenza: come cambiano le lettere di assunzione? 

Il lavoro a chiamata o “job on call”

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli