Licenziamento e TFR, come funziona?

TFR e licenziamento: come funziona?

(foto Shutterstock)

Quali sono i diritti del lavoratore licenziato, e quali i possibili strumenti di tutela per le aziende

TFR sta per Trattamento di Fine Rapporto, ed è una somma che viene versata al lavoratore dipendente alla fine del rapporto di lavoro.

Non sempre però un contratto finisce bene. Il rapporto può terminare per un licenziamento disposto dall’azienda, magari anche per fatti molto gravi, come, ad esempio, furti, sottrazione di beni, danneggiamenti. 

Che cosa succede in questi casi? Il dipendente ha sempre diritto al TFR? L’azienda come può tutelarsi? Vediamolo assieme in questo articolo.

Quando viene pagato?

Il momento in cui un lavoratore incassa il trattamento di fine rapporti dipende dove il dipendente ha deciso di versare questa somma. 

La decisione se mantenerlo in azienda o destinarlo a un fondo pensione ha un impatto decisivo (anche) sul momento in cui vengono versati i ratei maturati mese dopo mese.

Infatti:

  • se è stato lasciato in azienda, le somme devono essere versate al momento della cessazione del rapporto. Solitamente l’azienda emette un cedolino, separato rispetto all’ultima busta paga, con l’indicazione della somma e provvede al pagamento;
  • se invece è stato destinato a un fondo pensione, salvo i casi di possibile anticipo, di regola le somme vengono pagate nel momento in cui il lavoratore matura i requisiti per andare in pensione.

Cosa succede in caso di licenziamento?

Anche in caso di licenziamento il lavoratore ha diritto al pagamento del TFR. Spesso il dipendente licenziato per motivi disciplinari ha il timore di perdere queste somme. Si chiede se l’azienda può rivalersi sulla cifra per chiedergli “i danni”. 

In realtà le cose non stanno così: il lavoratore licenziato, anche per motivi disciplinari, ha comunque diritto al pagamento integrale del TFR.

È possibile la compensazione?

Compensare significa regolare le reciproche partite di dare/avere. La compensazione è uno dei modi che la legge prevede per estinguere un debito: se due persone hanno reciprocamente un debito e un credito, questi si estinguono e vengono pagati automaticamente fino al relativo ammontare.

Tuttavia, i crediti devono essere certi (ossia non contestati), liquidi ed esigibili e devono essere certi nel loro ammontare. Diversamente, la compensazione legale non può operare. Ed è il caso che si verifica nell’ipotesi in cui l’azienda voglia trattenere degli importi sulle somme dovute a titolo di TFR. 

Facciamo l’esempio di un lavoratore che è stato licenziato per aver danneggiato i locali aziendali, provocando un danno di 5.000 euro. E mettiamo caso che abbia diritto al pagamento di un TFR pari a 10.000 euro. L’azienda può trattenere i 5.000 euro di danni e versare solo la differenza? 

La risposta è no: in caso di contestazioni, la società non può trattenere gli importi e compensarli con quanto dovuto a favore del lavoratore a titolo di trattamento di fine rapporto. Manca, infatti, uno dei presupposti legali per rendere operativa la compensazione, ossia la certezza del credito e la definitiva quantificazione.

La Cassazione: se il credito è contestato, non opera la compensazione

La Suprema Corte si è espressa più volte in casi del genere, soprattutto quando l’azienda ha tentato di trattenere il trattamento di fine rapporto a fronte di licenziamenti per furti o truffe perpetrati dal lavoratore.

Ebbene, la Cassazione afferma che gli importi sono in astratto compensabili e senza alcun limite del quinto, ma per una compensazione efficace è necessario che anche le somme a credito dell’azienda siano certe e non contestate. 

Ne consegue che, nel caso in cui il lavoratore abbia, ad esempio, impugnato il licenziamento contestando i fatti o la quantificazione dei danni, l’azienda non può legittimamente trattenere alcuna somma dagli importi dovuti a titolo di trattamento di fine rapporto. 

Guida al TFR, per investirlo in modo più consapevole

Hai dubbi sul Trattamento di Fine Rapporto? Vuoi sapere quali sono le opzioni a tua disposizione e a cosa hai diritto? 

Gli esperti di Laborability hanno creato una guida per conoscere tutti i segreti di questo strumento e capire cosa è meglio fare a seconda delle tue esigenze.

Leggi anche:

Come funziona il TFR: la guida di Laborability

5 buoni motivi per versare il TFR in un fondo pensione

Il lavoratore può opporsi al pignoramento dello stipendio?

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli