Quota 100, si può continuare a lavorare mentre si percepisce?

Quota 100, si può continuare a lavorare mentre si percepisce?

(foto Shutterstock)

Per accedere a Quota 100 è necessario aver cessato l’attività dipendente, successivamente è possibile lavorare ma non è possibile percepire la pensione fino al raggiungimento dell’età per l’accesso alla pensione di vecchiaia

Se si accede alla pensione con quota 100 si può lavorare?

. Per ottenere Quota 100 i lavoratori dipendenti devono aver cessato il loro rapporto di lavoro, se si è lavoratori autonomi non è necessario cessare la propria attività. Una volta ottenuta Quota 100, indipendentemente dal fatto che si sia lavoratori autonomi o subordinati, è possibile continuare a lavorare, quello che cambia è la modalità di cumulo dei redditi da pensione e da lavoro fino al raggiungimento dei 67 anni di età ovvero la pensione di vecchiaia.

Cosa si intende per incumulabilità tra redditi di pensione e lavoro?

La legge che ha introdotto Quota 100 prevede che la pensione non sia cumulabile, a far data dal primo giorno di decorrenza della pensione e fino alla maturazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia, con i redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione di quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale, nel limite di 5.000 euro lordi annui.

Per incumulabilità dei redditi si intende che per chi percepisce Quota 100 e lavora l’INPS provvederà a cessare l’erogazione della pensione se rileva che il pensionato sta percependo anche redditi da lavoro dipendente, autonomo o autonomo occasionale oltre il limite di 5.000 euro lordi annui.

Cosa deve fare chi percepisce Quota 100 e lavora?

Ai fini dell’accertamento dell’incumulabilità di Quota 100 con i redditi da lavoro, i titolari di pensione devono presentare all’INPS un’apposita dichiarazione (mod. “Quota 100”), riguardante lo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa dipendente o autonoma, salvo che non si tratti di redditi di importo inferiore a € 5.000 lordi annui derivanti da attività autonoma occasionale

A seguito di tale segnalazione, l’Istituto provvede alla sospensione del trattamento pensionistico e al recupero delle mensilità corrisposte con riferimento all’anno in cui sia percepito il reddito da lavoro.

Come si accede a Quota 100?

I contribuenti che tra il 2019 e il 2021 abbiano perfezionato i requisiti di 62 anni di età anagrafica e 38 di anzianità contributiva conseguono il diritto alla pensione anticipata Quota 100 trascorso il periodo di apertura della finestra

Chi è lavoratore dipendente deve aver cessato l’attività lavorativa, mentre, chi è lavoratore autonomo può accedere alla pensione senza dover necessariamente cessare l’attività.

Leggi anche:
Quota 100 nel 2021, come accedervi

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli