Doppio lavoro del dipendente pubblico: si può davvero fare?

(foto Shutterstock)

Il TAR Lazio chiarisce che non è possibile per il dipendente pubblico svolgere una seconda attività in assenza di autorizzazione

IL FATTO

Un dipendente presso la Guardia di Finanza aveva svolto per anni l’attività di amministratore di condominio, senza l’autorizzazione dell’ente pubblico di appartenenza.
La Guardia di Finanza ha contestato questo comportamento e chiesto al lavoratore la restituzione dei compensi percepiti per lo svolgimento della seconda attività.
Un dipendente pubblico può svolgere un secondo lavoro?

LA DISCIPLINA PREVISTA NEL DECRETO LEGISLATIVO 165/2001

Il dipendente pubblico che intenda svolgere un secondo lavoro deve presentare la richiesta di autorizzazione all’amministrazione di appartenenza, come previsto dall’art. 53 del decreto legislativo 165/2001.
In assenza di autorizzazione è previsto il versamento all’ente di appartenenza dei compensi della seconda attività, oltre ad eventuali sanzioni disciplinari.
Il decreto stabilisce che questa disciplina non si applica: ai rapporti di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al 50% del tempo rispetto al tempo pieno, ai docenti universitari a tempo definito e alle altre categorie di dipendente pubblici per i quali le leggi speciali consentano lo svolgimento di attività libero-professionali.

LA SENTENZA DEL TAR LAZIO

Il TAR Lazio, pronunciandosi sulla questione, ha affermato che l’attività di amministratore di condominio è estranea ai compiti e ai doveri d’ufficio del dipendente pubblico.
In termini più chiari, si tratta di un secondo lavoro, per il quale il dipendente avrebbe dovuto richiedere e ottenere l’autorizzazione.
I giudici hanno anche chiarito che la natura occasionale e saltuaria dell’attività non esclude la necessità di un’autorizzazione.
Di conseguenza il dipendente pubblico, non essendo stato autorizzato, è tenuto a versare all’ente pubblico di appartenenza i compensi percepiti per il secondo lavoro (Sentenza n. 10599 del 26 agosto 2019).

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli