#RiParto: il bando per finanziare il welfare al femminile

#RiParto: il bando per finanziare il welfare al femminile

(foto Shutterstock)

Finanziamenti a favore delle aziende che introducono benefit e servizi per le lavoratrici appena diventate mamme

È stato pubblicato il 6 giugno 2022 il bando per sostenere gli interventi di welfare aziendale a favore delle lavoratrici neomamme.

#RiParto è un’iniziativa promossa dal Governo – Dipartimento delle Politiche della Famiglia e rientra nell’ambito degli interventi del PNRR. 

Banner Banner

Il bando è destinato alle imprese di qualsiasi dimensione. Per le aziende che presentano la domanda di finanziamento sono stati stanziati 50 milioni di euro. L’obiettivo? Secondo la ministra Bonetti «promuovere e sostenere la genitorialità e favorire la conciliazione della vita familiare con il lavoro femminile».

Quali progetti finanzia?

L’ambito di intervento è suggerito dal sottotitolo del bando #RiParto: «Percorsi di welfare aziendale per agevolare il rientro al lavoro delle madri, favorire la natalità e il work-life balance»

All’interno di questo perimetro, il bando permette il finanziamento di progetti che rientrano in una o più delle seguenti macroaree: 

1) supporto all’assunzione del nuovo ruolo genitoriale in un’ottica di armonizzazione della vita privata e lavorativa, comprese iniziative di sostegno psicologico e fisico;

2) incentivi economici finalizzati al rientro al lavoro dopo il parto/adozione;

3) formazione e aggiornamento per l’accompagnamento al rientro al lavoro dopo il parto/adozione.

La misura del finanziamento cambia in base alle dimensioni dell’azienda: si va da un minimo di 15.000 a un massimo di 50.000 euro per le aziende con meno di 10 dipendenti, fino a un massimo di 200.000 euro per le grandi aziende.

In ogni caso, è richiesto alle società di compartecipare in misura percentuale (10%) ai costi del progetto, ovvero di contribuire attraverso risorse finanziarie o risorse umane, beni e servizi.

Smart Working, nido aziendale e molto altro

Il Bando indica, a titolo esemplificativo, alcune possibili azioni di intervento:

  • flessibilità oraria e organizzativa: smart working, part time, banca ore, nuovi permessi e congedi);
  • misure di sostegno alla natalità e di facilitazioni al reinserimento: bonus, corsi di formazione e aggiornamento, ecc.);
  • progetti di supporto alla genitorialità: servizi per l’infanzia, baby sitting, centri estivi, ecc.).

 A chi devono essere rivolte queste azioni? A tutte le lavoratrici della società che partecipa al bando, comprese le collaboratrici autonome e le dipendenti interinali.

 Per quanto riguarda il tempo di azione, tutti i progetti devono avere una durata non inferiore a 24 mesi e devono essere realizzati direttamente dalla azienda partecipante.

Come viene valutata la domanda?

La richiesta di partecipazione al bando deve essere presentata entro il 5 settembre 2022. Tra gli allegati da trasmettere va inserita una relazione sui programmi di welfare eventualmente promossi in azienda, e il piano finanziario del progetto di cui si chiede il finanziamento.

Le domande vengono valutate da un’apposita commissione che stila una graduatoria finale.

Quali sono i criteri di valutazione? L’innovazione, la sostenibilità, la concretezza, l’economicità e l’efficacia del progetto: per ciascuno di questi elementi viene attribuito un punteggio da 0 fino a 20 punti.

Vengono finanziati tutti i progetti che rientrano nella graduatoria nell’ambito dei 50 milioni di euro stanziati.

 

 

Leggi anche:

Recovery Fund: le proposte dell’Italia a sostegno del lavoro

Gender equality, gli impegni del Recovery Plan per il lavoro femminile

Come funziona la maternità anticipata?

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli