La disciplina dello smart working fino al 31 marzo 2022

(foto Shutterstock)

Nuova proroga per il lavoro agile: modalità semplificata fino alla primavera. Ecco le regole aggiornate

 È ufficiale: il decreto legge 221 del 2021 ha prorogato fino al 31 marzo 2022 la possibilità di utilizzare lo smart working semplificato. Fino alla prossima primavera non è richiesto il consenso del lavoratore e l’azienda si può avvalere di una procedura più snella e veloce.

Smart working semplificato fino al 31 marzo 2022

 Ma cosa significa «modalità semplificata»? La semplificazione riguarda unicamente l’azienda e gli adempimenti amministrativi.

Banner Banner

Innanzitutto, in deroga alla normativa ordinaria, fino al 31 marzo 2022 non è necessario l’assenso del lavoratore allo smart working: ciò significa che il datore di lavoro può decidere unilateralmente di collocare il lavoratore in modalità agile. È questa una prima «semplificazione». 

Gli altri aspetti riguardano la trasmissione delle comunicazioni e dell’elenco dei lavoratori, attraverso il portale governativo cliclavoro.

Obbligo di informativa e sicurezza

Anche nella versione semplificata, l’azienda è obbligata a fornire una precisa informativa sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro. In questo caso la semplificazione riguarda l’invio della informativa, che può essere assolto anche tramite una comunicazione via mail al lavoratore e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Per quanto riguarda, invece, la tutela contro gli infortuni sul lavoro, non cambia nulla rispetto alla normativa ordinaria: lo smart workers è sempre tutelato contro gli infortuni subiti in modalità agile, anche in itinere.

A casa in isolamento: ok al lavoro agile

Il numero dei contagi ha proporzionalmente aumentato anche il numero di persone in isolamento domiciliare. L’Inps ha risposto a questa domanda: un soggetto in isolamento domiciliare o in quarantena può continuare a lavorare in smart working? Con il messaggio 3653/2020 l’Inps ha affermato che sì, il dipendente in isolamento può prestare attività lavorativa in smart working, ma in questo caso non ha diritto ad alcun trattamento economico di malattia.

Il protocollo sullo Smart Working

 Il ritorno alla normalità e la fine della situazione emergenziale lasceranno spazio all’applicazione delle linee guida introdotte dal Protocollo sullo Smart Working firmato lo scorso 7 dicembre da aziende e sindacati. Una regola su tutte: per il lavoro agile sarà necessario anche il consenso del lavoratore.

 

Leggi anche:

Smart Working, un Protocollo con linee guida per le aziende

Chi lavora in smart working deve avere il green pass?

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli