Lavorare mentre si studia: l’apprendistato di primo livello

Apprendistato e studenti

(foto Shutterstock)

L’apprendistato è un’opportunità per i giovani per cominciare a conoscere il mondo del lavoro. Quanto può durare? Perché conviene?

 Apprendistato di primo livello, cos’è

L’apprendistato è un contratto che agevola l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, consentendo loro di lavorare anche se minorenni.

I giovani possono essere assunti in qualsiasi settore economico con il contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale.

Banner Banner

Rientrano in questa tipologia di lavoro tutti i progetti di c.d. alternanza scuola-lavoro con cui i ragazzi alternano periodi di frequenza scolastica ad altri in cui si recano in azienda per acquisire specifiche competenze professionali.

Quanto può durare?

Il Jobs Act prescrive che la durata minima sia pari ad almeno 6 mesi, mentre per quanto riguarda la durata massima, questa varia in base al titolo che lo studente è prossimo a conseguire. In ogni caso, la legge non prevede una durata superiore a 4 anni.

I minorenni possono lavorare?

. La legge consente di stipulare questo tipo di contratto anche con soggetti che abbiano tra i 15 e i 17 anni a patto che risultino ancora iscritti a un percorso scolastico finalizzato al conseguimento di un diploma o di una qualifica professionale. 

Devono essere rispettate tutte le disposizioni previste per l’impiego di lavoratori minorenni, in particolare:

  • parità di trattamento retributivo tra lavoratori adulti e minori
  • orario di lavoro non superiore alle 8 ore giornaliere e alle 40 ore settimanali
  • divieto di lavoro in fascia notturna
  • divieto di adibire i minori a mansioni che li espongono ad agenti fisici, chimici e biologici o ad agenti classificati come cancerogeni

Perché conviene l’apprendistato di primo livello?

Per il giovane lavoratore stipulare questo tipo di contratto è vantaggioso perché è caratterizzato, per principio, da una forte componente formativa che deve essere assolta dal datore di lavoro sia «on the job» che all’esterno dell’azienda. Ne deriva, quindi, che la preparazione del lavoratore è sicuramente molto forte e trasversale

Inoltre, a favore del datore di lavoro, la legge prevede molte agevolazioni contributive proprio per rendere ancor più effettivo l’avvicinamento dei ragazzi al mondo del lavoro.

È possibile convertire l’apprendistato di primo livello in un diverso contratto?

Una volta che il giovane ha conseguito il titolo di studio, può accordarsi con il datore di lavoro per proseguire il rapporto di lavoro con la trasformazione del contratto in apprendistato professionalizzante (c.d. apprendistato di secondo livello).

Per farlo però è importante che il lavoratore non sia in possesso della competenza che si intende conseguire con il nuovo contratto. Nell’apprendistato professionalizzante, infatti, lo scopo è quello di conseguire una professionalità specifica, di cui il lavoratore è privo, in un determinato settore di attività.

 

Leggi anche:

Apprendistato se in disoccupazione: come funziona?

L’apprendistato di alta formazione e ricerca

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Dato che siete in moltissimi a scriverci, non tutti riceveranno una risposta personalizzata ai propri quesiti. Ogni mese, però, sceglieremo un intervento a cui daremo seguito direttamente sul nostro sito: aspettiamo il tuo contributo!

Articoli correlati

Ultimi articoli